giovedì, Febbraio 25, 2021

Fiorino – Il masochismo provoca dipendenza: la recensione

A fidarsi delle note stampa, Fiorino fa il marinaio per vivere mentre compone canzoni “per vocazione”, e considerate le attitudini nomadi di chi ha fatto dell’approdo e del viaggio la propria filosofia di vita, non c’è da stupirsi se “Il masochismo provoca dipendenza” ha le caratteristiche di una raccolta eclettica e storico-antologica della nostra tradizione cantautorale; il fischio de “La buona occasione” è tutto dalla parte di Lucio Dalla anche se il falsetto portato al limite della rottura e malinconicamente melodrammatico ci fa pensare a quello strato di miele acido che la voce di Harry Nilsson spalmava attraverso le sue canzoni per cuori infranti, influenza che torna anche nella ballata folk di “Mauro“.

Lucio Dalla sembra in ogni caso il nume tutelare del nostro, si sente bene anche nella successiva “Amanda” anche se la scelta sonora è quella di un combat folk stradaiolo, arricchito da un crescendo orchestrale tra fiati e organo un po’ Tex Mex; influenze latine che si affacciano anche in “L’esca per le acciughe“, bossanova d’amore aspro che non sfigurerebbe nel repertorio di un Mario Venuti più spigoloso, magari improvvisamente innamoratosi di Marc Ribot.

Del resto, la commistione tra Jazz, rock sudista e persino forme più sostenute e in linea con il rock statunitense anni ’90 (Stoner di portorotondo) insieme al repertorio dei nostri cantastorie pop (Dalla, ma anche Gaber, Rino Gaetano e Jannacci, che emerge a un certo punto nell’opening track) sembra la formula “segreta” di Fiorino; al posto del “buglione” c’è una forte capacità di mantenere il centro del discorso inventandosi un sound personale e omogeneo, merito forse della forma stornellante e del set acustico che sottende ogni brano, anche quelli più elettrici o elaborati. Niente di nuovo, ma tutto molto vivo e stimolante e sopratutto orientato a quella forma di teatro-canzone, che ci auguriamo di poter vedere dal vivo molto presto.

Bruno Martini
Bruno: una laurea in scienze politiche, musica italiana tra gli ascolti principali, e un amore viscerale per tutte le british invasion

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Barriera – la città mi fa terrore: il videoclip e l’intervista in esclusiva su indie-eye

Il motivo per cui chi scrive canzoni ha cominciato a girarsi anche i videoclip è per trovare uno spazio in cui poter continuare a raccontare. Sono parole di Barriera, al secolo Valerio Casanova, di cui presentiamo in esclusiva lancio "La città mi fa terrore", terzo capitolo di una trilogia che si conclude qui su Indie-eye con un'intervista al suo autore. Tra paura e desiderio, indie-eye continua ad ospitare le uniche contaminazioni urbane possibili, chi non se ne è accorto non ci legge con attenzione oppure è un fascista

Ottodix – Zodiacantus: il video di Flavio Ferri in esclusiva su Indie-eye e l’intervista

Alessandro Zannier è un artista concettuale. Ottodix, a partire dal seminale "Corpomacchina" del 2003, è una creatura musicale complessa come i suoi progetti, dove sono confluiti numerosi stimoli, dalla musica elettronica all'arte, dalla filosofia alla scienza. "Micromega" è l'ultimo lavoro dell'artista trevigiano, tra album e vocazione enciclopedica connettiva. A veicolarlo, ancora una volta, un video di Flavio Ferri, produttore del disco e già nei DeltaV, che dirige la terza clip del progetto, in esclusiva da oggi su indie-eye: Zodiacantus

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

ECONTENT AWARD 2015