domenica, Settembre 20, 2020

Audrey – the fierce and the longing

audrey_fierce.jpgNon è detto che la carenza di serotonina sia sempre un male; Visible Forms, il secondo lavoro delle Audrey pubblicato nel 2006, ad un anno di distanza da un ep d’esordio pieno di idee e intuizioni, distillava una certa retorica slowcore nel tentativo di rendere concisa e percepibile una forma che nella dilatazione programmatica evidenzia spesso pregi e difetti. Il risultato non era sempre soddisfacente, e tranne alcuni episodi illuminati, si assestava sul saggio di scuola incapace di osare la via incosciente ed emozionale nel mescolare tessiture, suoni, potenzialità vocali; una raccolta di canzoni (poco) pericolosamente noiose, senza mezzi termini. The fierce and the longing è un vero salto per le Audrey e se ad un primo ascolto sembra spingersi ulteriormente entro un recinto dove l’architettura dei brani si presenta come oggetto assolutamente solido e sicuro, è il trattamento delle parti che convince e libera di nuovo la loro musica. Il primo aspetto che colpisce è il livello strutturale delle parti vocali, un intarsio che trascolora quasi sempre in un drone corale di qualità folk; al di là dei soliti riferimenti con eroi ed eroine del pop nordico, è la forma dreamy ed evocativa che è davvero molto bella; l’uso fluviale degli archi e il dialogo con le voci in brani come Horses are Honest, Big Ships e la splendida The Sliver è l’esempio di come sia possibile orientare lo sviluppo di un brano a partire dal dis-equilibrio dell’orchestrazione. In questo senso le Audrey non hanno perso la forza improvvisativa degli esordi, valorizzandola con una capacità di delineare derive inaspettate a partire da piccoli elementi, accenni strumentali, un uso accorto e minimale della tessitura. Black Hearts, la traccia più vicina ad un’impossibile Bjork elettrica si sottopone a questo principio di mutazione, offrendo il senso per quello che potremmo definire come un esempio essenziale e scabro di pop orchestrale; anima che attraversa questa raccolta di 12 canzoni davvero molto semplici e ricche.

Redazione IE
Redazione IE
Per contattare la redazione di Indie-eye scrivi a info@indie-eye.it || per l'invio di comunicati stampa devi scrivere a cs@indie-eye.it

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Wayne Coyne dirige Miley Cyrus in “Blonde SuperFreak Steals the Magic Brain”

Wayne Coyne dei flaming lips dirige un delirante corto con Miley Cyrus e Moby

Wild Beasts – Wonderlust: il video di NYSU

Wonderlust, il video di NYSU per Wild Beasts

Robyn Hitchcock & Andy Partridge: Turn Me On, Deadman, il videoclip immaginario

Turn me on, Deadman. Eccitami, uomo morto. La traccia d'apertura di "Planet England", splendido lavoro a quattro mani firmato da due talenti della musica britannica, Robyn Hitchcock & Andy Partridge, ci ha spinto a inventare un videoclip immaginario.

Edward Sharpe and the Magnetic Zeros – No Love Like Yours: il video di Olivia Wilde

L'attrice Olivia Wilde realizza con un Iphone 6 il video per Edward Sharpe and the Magnetic Zeros, No Love Like Yours

Rolo Tomassi – Party Wounds, il video

Charlotte Knight dirige il nuovo video per Rolo Tomassi, Party Wounds

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015