giovedì, Agosto 18, 2022

The Poison Arrows – No Known Note: la recensione

Super gruppo formato da alcuni sopravvissuti dalla golden era della musica chicagoana, The Poison Arrows tornano dopo cinque anni di pausa con Not Known Note. Patrick Morris, già nei Don Caballero Adam Reach (Atombombpocketknife) e Justin Sinkovich (Thumbnail) si mantengono fedelissimi ai suoni del post rock anni novanta senza troppe sorprese rispetto alle release di cinque anni fa.

I riferimenti sono quelli alla musica di band come The Ponys, Bardo Bond, Drive Like Jehu, Milemaker. A confermare l’approccio all star e nostalgico del progetto, la chiamata a raccolta di una serie di musicisti che hanno gravitato in quel contesto, a partire da Scott McCloud che aveva militato in band come Girls Against Boys, New Wet Kojak e molte altre.

Poliritmie Jazz, un approccio angolare e tribale alla sezione ritmica, la brutalità dell’impatto che contrasta con forme più cerebrali e matematiche. Il vocabolario e la semantica non è cambiata, ma possono permetterselo.

The Poison Arrows – No Known Note – trailer

Ugo Carpi
Ugo Carpi
Ugo Carpi ascolta e scrive per passione. Predilige il rock selvaggio, rumoroso, fatto con il sangue e con il cuore.

ARTICOLI SIMILI

CINEMA UCRAINO

spot_img

INDIE-EYE SHOWREEL

spot_img

i più visti

VIDEOCLIP

INDIE-EYE SU YOUTUBE

spot_img

TOP NEWS

ECONTENT AWARD 2015

spot_img