domenica, Ottobre 25, 2020

Careless Crime di Shahram Mokri: recensione

Dopo due film tanto simili sembrava che Mokri avesse trovato il proprio personalissimo sistema di fare cinema e che fosse intenzionato a portarlo ancora avanti. Careless Crime però è diverso, ma allontanandosene ricorre alla riflessione sul tempo e lo spazio per trasformarsi in una dichiarazione d’intenti. La recensione di Careless Crime

Il 19 agosto 1978, in piena rivoluzione iraniana, quattro sostenitori dell’Ayatollah Khomeyni diedero fuoco al cinema Rex ad Abadan durante la proiezione di The Deer, il film di maggior successo nel paese e, secondo l’ideologia degli oppositori del regime monarchico, latore dei degenerati costumi occidentali. Nel rogo morirono più di 420 persone e questa strage, inizialmente attribuita alla polizia segreta dello Scià, scatenò numerose sommosse che si rivelarono fondamentali nella destabilizzazione del governo.


Più di 40 anni dopo Shahram Mokri ha deciso di ricostruire quell’evento, cardine della storia mediorientale, con il suo ultimo film, Careless Crime, presentato nella sezione Orizzonti a Venezia 77.

Non è però “ricostruzione” il termine più corretto per descriverlo, o per lo meno ne dà un’idea molto parziale. Mokri è un regista unico nel pur ricco panorama cinematrografico iraniano, e più che all’attentato in sé è interessato alla sua frantumazione spazio-temporale.

Il rapporto tra il dove e il quando è da sempre il fulcro del cinema di Mokri, giunto ora al quinto film. Nei suoi due precedenti lavori, Mahi va gorbeh (Fish & cat) e Invasion (Hojoom), la macchina da presa si muoveva in uno spazio circoscritto (le sponde del lago nel primo, uno stadio nel secondo) senza mai tagliare, ma innanzi al suo occhio meccanico gli eventi si reiteravano, catturati ogni volta da una diversa prospettiva. L’unitarietà visiva della narrazione riusciva attraverso il paradosso della ripetizione a restituire la frammentaria complessità del reale.


Dopo due film tanto simili sembrava che Mokri avesse trovato il proprio personalissimo sistema di fare cinema e che fosse intenzionato a portarlo ancora avanti. Careless Crime però è diverso, ma allontanandosene ricorre alla riflessione sul tempo e lo spazio per trasformarsi in una dichiarazione d’intenti. Quali?


Il film racconta un passato, quello dell’attentato, ma racconta anche un presente dove un gruppo di ragazzi organizza una proiezione di The Deer nell’anniversario del rogo, mentre alcuni soldati indagano su un missile inesploso.


Le due trame si riflettono l’una nell’altra, anche letteralmente: Careless Crime inizia nel cinema Rex dove, all’improvviso, comincia la proiezione della parte di Careless Crime ambientata nel presente (il nostro presente, il futuro all’interno della diegesi). Non è solo un gioco di specchi fine a se stesso, però.

Se la narrazione storica persegue il realismo, ricostruendo con attenzione (fin qui si può parlare di “ricostruzione”) le vicende degli attentatori e dei lavoratori del cinema nei giorni immediatamente precedenti alla tragedia, le sequenze dedicate ai militari nel presente si rivelano, presentandosi come film-nel-film, sospese e a tratti surreali, e in questo modo si riavvicinano al cinema cui Mokri ci ha abituati.


In quest’ottica Careless Crime sembra allora voler rivendicare il diritto della finzione a stare accanto al reale, e quindi la libertà del suo autore di fare un cinema diverso e sperimentale.

Mokri con un film che è anche un grande omaggio al cinema e al suo potere si difende così da certe critiche che gli sono state mosse, e riuscendo contemporaneamente a portare avanti la decostruzione delle convenzioni narrative fulcro della sua opera, crea un manifesto nel quale si può leggere tutto il suo amore per la settima arte.

Marcello Bonini
Marcello Bonini
Marcello Bonini nasce a Bologna nel 1989. Insegnante, fa il montatore per vivere. Critico Cinematografico, ha scritto per diverse riviste di cinema e pubblicato una raccolta di racconti. Fa teatro e gira cortometraggi.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Trieste Science+Fiction Festival, dal vivo e online

Il più importante festival italiano dedicato alla fantascienza, in programma dal 29 ottobre al 3 novembre dal vivo a Trieste, debutta per la prima volta anche online nella sala virtuale di MYmovies. La manifestazione triestina porta anche sul web il meglio della fantascienza 2020 con anteprime e prime visioni in esclusiva: una selezione composta da 19 film, documentari scientifici, una serie televisiva coreana

Festa Del Cinema di Roma 2020 ai tempi del Covid-19

Festa del Cinema di Roma, quindicesima edizione profondamente segnata dalle regole di contenimento. Tutte le regole in base al nuovo Dcpm del 18 ottobre

Helene di Antti J. Jokinen: recensione

Helene Schjerfbeck, straordinaria e durissima pittrice finlandese che anticipa le suggestioni del modernismo, nel nuovo film di Antti J. Jokinen, presentato recentemente ai festival IFF Love & Anarchy e Shanghai International Film Festival

Lucca Film Festival 2020, concorso cortometraggi: terza giornata

Terra, identità, resilienza. Tra luogo e non luogo, i sei bellissimi corti italiani del Lucca Film Festival, nella terza giornata del concorso cortometraggi curato da Rachele Pollastrini

Lucca Film Festival 2020, Concorso cortometraggi: seconda giornata

Lontanissimo dal brutto instant cinema che circola in ogni dove, la seconda giornata di corti del Lucca Film Festival curati da Rachele Pollastrini è una riuscitissima combinazione di elementi e suggestioni che ruotano intorno all'idea di famiglia, osservata da polarità spesso opposte e contrastanti, ma intesa come luogo comune da cui partire per indagare la costruzione o la disgregazione del senso di appartenenza e di identità. 

ECONTENT AWARD 2015