domenica, Ottobre 25, 2020

Ca’ Foscari Short Film Festival 2020: Un festival diffuso

Dario Argento, Pino Donaggio, Lorenzo Mattotti gli ospiti speciali del Ca' Foscari Short. Festival "diffuso" tra location fisiche e web

Sempre più comune la definizione di “Festival diffuso”, ovvero una forma crossmediale di fruizione dei contenuti, che in tempi di crisi epidemiologica, permette di sviluppare un evento in loco, mentre le piattaforme online moltiplicano le possibilità di visionare le opere in concorso, dalla sala allo streaming.

Sono eventi Ibridi e ne vedremo molti nei prossimi mesi.

Oltre al Lucca Film Festival e al Nightmare Festival di Ravenna, il Ca’ Foscari Short Film Festival è tra le prime rassegne ad aver scelto questa forma. 

Il festival interamente organizzato e sviluppato da studenti dell’università e diretto artisticamente da Maria Roberta Novielli, presenta per l’edizione 2020 una serie di eventi fruibili a Venezia e la possibilità di godersi il programma dei film in concorso via streaming, allargando di fatto le potenzialità di diffusione dello stesso festival.

Già a Marzo, quando il festival avrebbe dovuto accendere i riflettori regolarmente, in attesa di poter svolgere la propria attività, era stata lanciata un’edizione “wireless” che proponeva le opere selezionate dalle precedenti edizioni. 

Adesso lo Short ha trovato il modo e le possibilità di aprire regolarmente al pubblico dal 7 al 10 ottobre 2020, rispettando tutte le norme sanitarie vigenti. 

I luoghi fisici coinvolti, oltre allo storico Auditorium Santa Margherita, saranno caratterizzati dal coinvolgimento di numerosi spazi in città, adibiti alla fruizione delle opere e degli eventi. A questa moltiplicazione di location si aggiungono le possibilità offerte dallo streaming, che consentirà di vedere le opere in concorso da qualsiasi postazione internet. 

La 10. Edizione del Festival sarà in versione “diffusa” in varie sedi di istituzioni veneziane, ma sempre con una selezione di corti di livello altissimo da ben 27 paesi e ospiti eccezionali – ha dichiarato Maria Roberta Novielli, direttrice artistica del festival – Siamo felici di rappresentare un trampolino di lancio per i film in concorso che hanno avuto anche in passato, attraverso noi, l’opportunità di farsi conoscere a livello internazionale

Oltre al concorso internazionale, molti gli eventi speciali, tra masterclass e retrospettive. Imperdibile la lectio magistralis di Dario Argento, a cui il festival consegnerà la Ca’ Foscari Honorary Fellowship, riconoscimento prestigioso consegnato dall’ateneo veneziano. Uno dei più importanti autori del nostro cinema racconterà a spettatori e studenti il suo metodo. 

Altra presenza straordinaria, quella di Pino Donaggio, tra i migliori compositori mondiali di musica per il cinema, autore di colonne sonore come “A Venezia…Un Dicembre Rosso Shocking” di Nicolas Roeg (su indie-eye abbiamo parlato della nuova edizione pubblicata in vinile da Silva Screen) , “Carrie Lo Sguardo di Satana” di Brian de Palma, per cui ha firmato moltissime colonne sonore, la splendida “Oltre la porta” per Liliana Cavani, a cui ha regalato altre due colonne sonore, “Trauma” per lo stesso Dario Argento e altre collaborazioni che includono autori come Anthony Richmond, Tinto Brass, Ruggero Deodato, Michele Soavi, Pupi Avati e molti altri. Donaggio ripercorrerà la sua carriera in un incontro curato da Anton Giulio Mancino. 

Terzo evento, l’incontro con Lorenzo Mattotti e la proiezione speciale de “La Famosa invasione degli orsi in sicilia” (leggi l’intervista a Mattotti su indie-eye Cinema). Mattotti è anche l’autore del manifesto del Ca’ Foscari Short Film Festival. 

I corti in concorso saranno giudicati da una giuria tutta al femminile composta dall’attrice giapponese Jun Ichikawa, la regista siriana residente a Berlino Sulafa Hijazi, l’attrice polacca Maria Mamona. Come consuetudine, le giurate saranno anche al centro di un Programma speciale di cortometraggi dove sono state coinvolte a diverso titolo, per incontrare il pubblico e presentarli. 

Tra gli eventi collaterali, la Music Video Competition, riservata ai videoclip realizzati da studenti universitari o di scuole di cinema italiane e internazionali. 

Michele Faggi
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. È un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Si è occupato di formazione. Ha pubblicato volumi su cinema e new media. Produce audiovisivi

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Trieste Science+Fiction Festival, dal vivo e online

Il più importante festival italiano dedicato alla fantascienza, in programma dal 29 ottobre al 3 novembre dal vivo a Trieste, debutta per la prima volta anche online nella sala virtuale di MYmovies. La manifestazione triestina porta anche sul web il meglio della fantascienza 2020 con anteprime e prime visioni in esclusiva: una selezione composta da 19 film, documentari scientifici, una serie televisiva coreana

Festa Del Cinema di Roma 2020 ai tempi del Covid-19

Festa del Cinema di Roma, quindicesima edizione profondamente segnata dalle regole di contenimento. Tutte le regole in base al nuovo Dcpm del 18 ottobre

Helene di Antti J. Jokinen: recensione

Helene Schjerfbeck, straordinaria e durissima pittrice finlandese che anticipa le suggestioni del modernismo, nel nuovo film di Antti J. Jokinen, presentato recentemente ai festival IFF Love & Anarchy e Shanghai International Film Festival

Lucca Film Festival 2020, concorso cortometraggi: terza giornata

Terra, identità, resilienza. Tra luogo e non luogo, i sei bellissimi corti italiani del Lucca Film Festival, nella terza giornata del concorso cortometraggi curato da Rachele Pollastrini

Lucca Film Festival 2020, Concorso cortometraggi: seconda giornata

Lontanissimo dal brutto instant cinema che circola in ogni dove, la seconda giornata di corti del Lucca Film Festival curati da Rachele Pollastrini è una riuscitissima combinazione di elementi e suggestioni che ruotano intorno all'idea di famiglia, osservata da polarità spesso opposte e contrastanti, ma intesa come luogo comune da cui partire per indagare la costruzione o la disgregazione del senso di appartenenza e di identità. 

ECONTENT AWARD 2015