mercoledì, Dicembre 7, 2022

Giorgia Mastropasqua

Contatta la redazione di indie-eye scrivendo a:info@indie-eye.it // per l'invio di comunicati stampa devi scrivere a cs@indie-eye.it // per l'invio di materiale promozionale puoi spedire a: INDIE-EYE | VIA DELLA QUERCIOLA N. 10 | 50141 | FIRENZE //

Moby – Destroyed (Little Idiot, 2011)

Destroyed è il nuovo album di Moby pubblicato per la sua label Little Idiot, la recensione di Giorgia Mastropasqua...

Italia Wave love Festival 25ma edizione a Lecce, la conferenza stampa

Giorgia Mastropasqua di ritorno dalla conferenza stampa Romana di Italia Wave Love Festival 2011, quest'anno a Lecce; il resoconto e tutti i dettagli...

Lilies on mars – wish you were a pony (Elsewhere Factory, 2011)

Wish you were a pony delle Lilies on Mars, presentato a marzo nella patria elettiva della band, Londra, uscirà il 23 maggio di quest'anno, la recensione di Giorgia Mastropasqua...

Jarman – The Saint EP (Doug The Dog/Autoprodotto, 2010)

Post-Rock e Shoegaze romano di respiro internazionale. I Jarman debuttano con un EP colmo di influenze ma soprattutto di compatta atmosfera. Una sorpresa convincente in una scena da esplorare...

Architecture in Helsinki – Moment Bends (V2, 2011)

Gli Architecture in Helsinki, campioni australiani dell'indie pop più integrale, tornano dopo 4 anni con Moment Bends. Un ritorno al passato, suoni sintetici e allegramente sorpassati, questo e molto altro per un album veramente singolare.

Micachu and The Shapes – Chopped and Screwed (Rough Trade, 2011)

L'estro "sfocato" di Micachu and The Shapes si apre alla sperimentazione grazie all'incontro con la London Sinfonietta, Chopped and Screwed fotografa una delle collaborazioni più stupefacenti dell'anno...

Spiral69 – No Paint On The Wall (Megasound, 2011)

Fra dark wave e pop, la band di Riccardo Sabetti sviluppa un universo sonoro colmo di vecchie e nuove ispirazioni, collaborazioni di livello e orientamenti trasversali, la recensione di No Paint On The Wall...

The Go! Team – Rolling Blackouts (Memphis Industries – 2011)

Quando si scrive di The Go! Team sembrano esservi alcune parole d’ordine, nodi significativi condivisi dalla stampa internazionale, si tratta dell’ispirazione serie Z dei poliziotteschi anni ‘70, la convivenza del pop con l’hip hop, l’attitudine funk e J-pop, tutti elementi rimasti immutati attraverso i tre album del sestetto di Brighton.

Giorgia Mastropasqua

Contatta la redazione di indie-eye scrivendo a:info@indie-eye.it // per l'invio di comunicati stampa devi scrivere a cs@indie-eye.it // per l'invio di materiale promozionale puoi spedire a: INDIE-EYE | VIA DELLA QUERCIOLA N. 10 | 50141 | FIRENZE //