Indie-eye – VIDEOCLIP – Storia e Critica dei Video Musicali

Splendido video di Mark Romanek per Jay-Z. ispirato al cinema d'animazione dei fratelli Fleischer e agli stereotipi razzisti del Little Black Sambo di Helen Bannerman 

Di

È il primo contributo “visual” quello di Mark Romanek per il nuovo album di JAY-Z. Da tempo annunciato, “4:44” è per il momento disponibile per l’ascolto in streaming su Tidal dallo scorso 30 giugno, mentre avrà una diffusione video con una forma non dissimile da quella sperimentata per gli ultimi album di Beyonce.
La long-form dei videoclip ha una storia altrettanto lunga (Kinks, Nancy Sinatra, Devo, The The con lo storico “Infected”) e sembra rinascere attraverso la fisiologia “aumentata” delle piattaforme online.

JAY-Z – The Story of O.J. il video di Mark Romanek

Per il momento la clip diretta insieme al grande Mark Romanek si ispira in parte al cinema d’animazione dei fratelli Fleischer e indirettamente al ruolo storico del cinema d’animazione per quanto riguarda la promozione dei cataloghi e degli archivi musicali. 

Il personaggio di Jaybo è ispirato alle illustrazioni statunitensi che accompagnavano l’edizione americana di “The Story of Little Black Sambo”, il volume per bambini scritto alla fine dell’ottocento dall’inglese Helen Bannerman, che negli anni trenta del novecento, quando fu riadattato per il mercato americano, suscitò le ire degli attivisti per i diritti civili.

Indie eye è la prima testata in Italia ad occuparsi di Videoclip  dalla parte di chi li realizza. Registi, colorist, montatori, creativi, grafici, animatori, figure totalmente assenti dai comunicati stampa dei PR di settore e dalla stampa musicale del paese, ferma ancora all’idea che un video musicale sia veicolo e non oggetto d’arte. Indie-eye cambia radicalmente un paradigma con la rubrica dedicata ai videoclip e grazie alla media partnership con Rocca Rolla, il primo festival italiano completamente online dedicato ai videoclip che sarà lanciato prossimamente

 

Michele Faggi

Michele Faggi

Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. Si occupa da anni di formazione e content management. È un esperto di storia del videoclip ed è un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Ha pubblicato volumi su cinema e new media.