giovedì, Settembre 16, 2021

We are the city – la cult band canadese: il video di Keep On Dancing

Alla soglia del terzo album i canadesi We Are The City possono essere definiti senza ombra di dubbio come una cult band. Il secondo album del combo di Vancouver intitolato Violent ha avuto una larga diffusione in Europa grazie alla tedesca Sinnbus, negli stati uniti via Tooth & Nail Records ed infine nel paese natale attraverso la Boompa Records.

Il primo assaggio del nuovo corso è con il video Keep On Dancing, singolo registrato nel retro di un negozio di biciclette ad Est di Vancouver. Pop ipnotico e melodico dalla freschezza immediata.

Il video è realizzato da Amazing Factory Productions, compagnia a conduzione famigliare stanziata a Vancouver e costituita da quattro soci: Joseph e Amanda Schweers, i cugini Joshua e suo fratello Andrew Huculiak.  Hanno realizzato altri videoclip per We Are the city (High schools, Astronomers, friends hurt) e per altre band della scena canadese (tra gli altri: Jordan Klassen, Said the whale, Young liars). Oltre alla musica realizzano video legati al mondo della tecnologia e dello sport, ma il progetto più ambizioso della Amazing Factory è condiviso proprio con i We are the city. Violent, oltre ad essere il secondo album della band canadese è infatti anche un film che sintetizza l’esperienza nel documentario della factory stessa. Filmato interamente a Bergen, in norvegia e scritto insieme ai We Are The City, include la colonna sonora originale e alcuni brani inediti scritti dal combo appositamente per il film. Diretto da Andrew Huculiak e presentato a Cannes nel 2014 il film racconta di Dagny (Dagny Backer Johnsen) una giovane donna che dal piccolo centro dove vive decide di trasferirsi nella grande città, grazie ad un contatto con un amico della madre, che le troverà un lavoro. Nel frattempo, Dagny è posseduta dai recenti ricordi condivisi con le cinque persone che ha amato di più; tutte quante legate ad un’evento tragico e catastrofico.

Donatella Bonato
Veneta, appassionata di tutti quei suoni che alterano la percezione, si è laureata in storia dell'arte nel 2010 e alterna la scrittura critico-musicale al lavoro per alcune fondazioni storiche.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

spot_img

i più visti

VIDEOCLIP

INDIE-EYE SU YOUTUBE

spot_img

TOP NEWS

ECONTENT AWARD 2015

spot_img