lunedì, Gennaio 18, 2021

elio p(e)tri – Non è morto nessuno (Matteite, 2010)

Avere un nome d’arte che chiama in causa un grande regista del cinema italiano e contemporaneamente restarne a debita distanza con l’aiuto di una parentesi. E dare un titolo al proprio album d’esordio che possa evocare un pericolo scampato quanto una mancata vendetta: si, siamo tutti salvi, ma con noi ci sono anche quelli che meritavano di cessare qui e ora la propria esistenza. L’angoscia dell’incertezza (postmoderna?) pervade questo Non è morto nessuno, dell’umbro Emiliano Angelelli, in arte elio p(e)tri. Due anni di lavoro sono stati necessari assieme al fido Matteo Dainese detto anche “Il cane” per costruire questo canzoniere dalla produzione curatissima, “italiano solo nei testi”, come tiene a precisare. Poche parole per delineare una storia, come nell’attività cronistica, tant’è che Angelelli di professione fa il giornalista, e una musica ammaliante e passionale ad accompagnare questi versi: ecco come si rivoluziona o si demolisce il cantautorato italiano. Arrangiamenti molto ricchi ma non carichi, che non ostruiscono come soleva fare Phil Spector ma piuttosto soffocano, coprono la visuale, inducono alla resistenza e al proseguimento dell’ascolto a denti stretti; come In Raimbows dei Radiohead ma senza barriere. Requiem dell’amore, che già dal titolo è tutto un programma, esprime al meglio questa sensazione, come pure l’introduttiva bradipo. Tra la batteria che fa gli straordinari e i violini che stendono veli di malinconia, la voce di elio p(e)tri, non particolarmente risaltante, decanta storie vere, verosimili e impossibili; di uomini volanti, ossessionati di Tolstoj e macellaie di cuori infranti. Code strumentali devianti aumentano la schizofrenia (compresa il colpo ironico di genio del finale di La ricetta dell’uomo perfetto): sono pur sempre uno stratagemma per rendere unico ogni episodio, quando non se ne abusa (poche volte). Ascolto interessante, ma tenetevi al riparo da possibili lievi attacchi di claustrofobia.

Elia Billero
Elia Billero vive vicino Pisa, è laureato in Scienze Politiche (indirizzo Comunicazione Media e Giornalismo), scrive di dischi e concerti per Indie-eye e gestisce altri siti.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Adanowsky – Would you be mine: il video di Adan Jodorowsky

Adan Jodorowsky, qui come Adanowsky, si autodirige nel videoclip di Would you be mine, inanellando un campionario di visioni soft core e blasfeme, optical e patinatissime

The rain – virgilio villoresi / erica il cane realizzano il video per Lou Rhodes

therain.jpgThe rain il nuovo video di Virgilio Villoresi e Erica il cane

Hercules & Love Affair – My Offence: il video di Matt Lambert

Le icone della nightlife gay newyorchese nel nuovo video di Hercules & Love affair realizzato dal video artista Matt Lambert, nuova ri-definizione dei processi identitari nella microstoria dei video musicali

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

ECONTENT AWARD 2015