martedì, Ottobre 20, 2020

The National – Trouble Will Find Me

Giunti al sesto album della carriera, la band di Cincinnati resta fedele alla linea, quella costruita sulle basi di Boxer e continuata nei successivi Alligator e High Violet.

Una costruzione quanto mai solida che dimostra un profondo attaccamento ai suoni e alle melodie che hanno reso i The National celebri; melodie abissali in cui sprofonda la fusione fra voce e percussioni divisa dalle sottili linee di chitarra. Un album dalla bruciatura lenta che avanza con deliziosa pigrizia mentre attraversa i quadri dei ricordi più scomodi, ustionanti come sale su una ferita (I Should Live In Salt) o del tutto paralizzanti (Demons).

Domina l’istinto nostalgico di Berninger che corre sui tasti del pianoforte in Slipped e Pink Rabbits sviando verso terreni più cupi di Fireproof, tre minuti tondi tondi di finestra su The Virginia. Pochi gli azzardi o le innovazioni, circoscritte all’incursione del synth in Heavenfaced e agli svolazzi elettronici di I Need My Girl che vede alla drum machine Sufjan Stevens, uno fra i nomi degli artisti che hanno contributo all’album, a cui s’aggiungono Sharon Van Etten, Nona Marie Invie e St. Vincent.

Quello che emerge è una precisa visione del mondo, delineata negli occhi e nelle parole di Berninger. E si dà il caso che questa prospettiva rappresenti l’essenza dei The National, la loro identità chiave che in Trouble Will Find Me trova, probabilmente, la sua espressione più diretta e immediata. Abbandonata la scrittura introspettiva dei precedenti album, Matt Berninger guadagna una nuova sintonia con l’idea dei The National, un’unione familiare dove il bisogno di dover dimostrare il proprio valore cessa d’essere un pungolo e un (ulteriore) affanno.

Giulia Bertuzzi
Giulia Bertuzzi
Giulia vede la luce (al neon) tra le corsie dell'ospedale di Brescia. Studia in città nebbiose, cambia case, letti e comuni. Si laurea, diventa giornalista pubblicista. Da sempre macina chilometri per i concerti e guadagna spesso la prima fila.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Rue Royale, il video di Halfway Blind

Nuovo video per i Rue Royale tratto dal recente full lenght pubblicato per SinnBus

Elbow – Magnificent (She says) – il video di Joe Connor tratto da Little Fictions

Elbow con il nuovo video di "Magnificent (She says)" tratto dall'imminente Little Fictions. Dirige Joe Connor

Are You Real? – Consequence (The Notwist Cover) – il videoclip

Are you real? e la cover di consequence, il videoclip

Christina Aguilera, your body, il video di Melina Matsoukas

Nuovo sorprendente video diretto dalla regista greco-cubana Melina Matsoukas per Christina Aguilera

Sabina – Viva l’amour: il video di oliver clegg

Sabina Sciubba completamente nuda nel video di "Viva l'amour" diretto da Oliver Clegg

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015