mercoledì, Gennaio 27, 2021

7 Days of Funk: groove superdopati dallo spazio profondo

Frutto del comprensibile – ma non necessariamente prevedibile – colpo di fulmine tra due cavalli di razza come Snoop Dog (pseudonimo che ha segnato in maniera indelebile le classifiche hip hop degli ultimi due decenni) e Dâm-Funk (ennesimo prodigio della preziosa scuderia Stones Throw), 7 Days of Funk si pone come ideale crocevia su cui convergono le tradizioni P-Funk e G-Funk. Lo pseudonimo di Snoopzilla usato da Dog, le ospitate vocali di Bootsy Collins e la mera struttura ritmica/melodica dei brani non lasciano spazio ai dubbi: il progetto intende aggiornare al presente le sonorità che hanno segnato a fuoco i background dei due artisti, omaggiando la magia di un’epoca e la follia dei suoi protagonisti. L’album ripropone infatti quella particolare declinazione di black pride che affermava la propria natura attraverso l’eccesso, il travestimento, la propensione al ridicolo, la sessualità dirompente, la glorificazione delle componenti tecnologico-fantascientifiche del suono. Ma non si pensi solo a George Clinton e alla sua mothership connection; in tale contesto l’eredità di pionieri anni ’80 come Rick James o Cameo è sicuramente qualcosa di cui tener conto. Proprio dalla super hit Word Up! sembrano mutuate le punitive batterie elettroniche programmate da Dâm-Funk; e non a caso, dal vivo, l’artista si avvale di una keytar come faceva Kevin Kendrick. Tra beat incalzanti, sinuose linee di sinth-bass – che devono tanto al succitato Collins quanto al main theme di Assault on precint 13 – tastiere spacey e uno Snoop insolitamente sentimentale, si consuma un viaggio interstellare avvincente anche senza l’aiuto di sostanze dopanti. Che, sia chiaro, in questo frangente non guastano. May the funk be with you.

Federico Fragasso
Federico Fragasso è giornalista free-lance, non-musicista, ascoltatore, spettatore, stratega obliquo, esegeta del rumore bianco

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Filiamotsa – Madsummer Midness: il video di Ishrann Silgidjian in esclusiva su indie-eye

Filiamotsa, notevole duo francese artefice di un post rock tesissimo ed emozionale e attivi da diversi anni hanno pubblicato il loro ultimo "Like it is" collaborando con il leggendario GW Sok, primo cantante dei The Ex e che per i francesi canta tutti i brani dell'album. Di questi sette brani, in collaborazione con il talentuoso regista francese Ishrann Silgidjian, i Filiamotsa presenteranno un video ogni settimana in esclusiva su indie-eye. Il secondo della serie si chiama "Madsummer Midness" ed è una visionaria contemplazione della natura attraverso il viaggio di un "uomo-specchio"

Le Sonore Colonne di Alberto Nemo: il silenzio e i vuoti dell’immagine

Un videoclip nasce sulla scia di un pezzo, una sonora colonna invece dalla suggestione di un’immagine. A che serve girarne altre quando esistono tanti capolavori spesso dimenticati? Il nuovo progetto di Alberto Nemo, l'intervista

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

ECONTENT AWARD 2015