martedì, Novembre 30, 2021

Desire di Meg Myers, il disturbante video di Jordan Bahat

I video musicali di Jordan Bahat, tranne rare eccezioni, catturano una vera e propria metafisica dello spazio; attraversati spesso da una sottile e disturbante tensione “nera”, mostrano oggetti e spazi in quella dimensione che supera il confine tra realismo e iperrealtà. È il copertone in fiamme che attraversa lo spazio deserto davanti ad un Motel in “Miss Jackson”, il video realizzato per Panic! at the Disco, oppure l’incendio appiccato da Jamie N Commons nel video di “Lead Me Home”, e ancora la valigia gialla di “Why Am I The One”, vera protagonista della clip realizzata per fun, oppure il campo da Golf del bellissimo “Teenage Daughter” per Dog is Dead, filmato come fosse un paesaggio lunare.

Bahat, nato e cresciuto a Los Angeles in California, si è laureato presso la School of Cinematic Arts dell’università . Oltre all’attività come regista di videoclip, ha realizzato una serie di spot pubblicitari, tra cui uno molto bello e in linea con quello che si diceva per “Twisted Metal”, gioco Sony Playstation. Jealous of the Birds è invece il suo unico lungometraggio, un documentario che esplora la storia di una comunità di sopravvissuti all’olocausto insediata a Francoforte dopo la seconda guerra mondiale e accompagnato dalla colonna sonora di Hans Zimmer e Aleksey Igudesman. Desire è il video realizzato per Meg Myers e pubblicato sul canale della cantante Californiana il 13 gennaio 2014; estratto dall’imminente “make a shadow ep“, il brano affina quel mix tra rabbia, propensione innodica di certo fm rock di derivazione metal e il modo di porsi della stessa Myers, quello di una disturbante ragazza della porta accanto. Bahat interpreta il testo della Myers in forma metafisica, lavorando per astrazione su liriche che già da sole giocano con la retorica del desiderio in modo del tutto estremo, mantenendo un confine labile tra sesso e distruzione, desiderio e stupro(Honey i wanna break you, i wanna throw you to the hounds, i gotta hurt you […] i’m gonna kill you, i’m gonna lay you in the ground).

Desire è il video più oscuro di Bahat, e filma la Myers con la felpa strappata mentre all’alba si appresta ad entrare in un appartamento disabitato dove un televisore manda continuamente immagini di vecchi cartoon. Il regista californiano si ferma su alcuni dettagli come l’impronta di una mano sul vetro della doccia, un giradischi che si aziona da solo, una poltrona rivestita di cellophane, un letto disfatto e la Myers che a un certo punto diventa un vero e proprio corpo posseduto, mentre simula un amplesso con una forza invisibile. Meg entra ed esce da questo spazio come un fantasma in quello che potrebbe essere il luogo dove ha trovato la morte.

Jordan Bahat in rete

Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. Si occupa da anni di formazione e content management. È un esperto di storia del videoclip ed è un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Ha pubblicato volumi su cinema e new media.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

spot_img

i più visti

VIDEOCLIP

INDIE-EYE SU YOUTUBE

spot_img

TOP NEWS

ECONTENT AWARD 2015

spot_img