martedì, Dicembre 1, 2020

Iggy Pop – Lust For life. Il videoclip di The Passenger diretto da Simon Taylor

29 Agosto 1977, la RCA pubblica "Lust For Life", il secondo album solista di Iggy Pop. Il luglio scorso è uscito il primo effettivo video ufficiale di "The Passenger". Iggy Pop, corpo irregimentabile.

La storia di Lust For life è un mix tra vita, improvvisazione e rifiuto. A partire dal riff per la title track, ripreso da David Bowie con l’ukulele del figlio dal segnale di inizio trasmissioni della AFN fino ai testi improvvisati in studio da Iggy pensando a William S. Burroughs e a Johnny Yen de “Il biglietto che esplose”, James Newell Osterberg cerca di mantenere il controllo su una manciata di episodi a metà tra disperazione e distacco, molto più stratificati e dolorosi rispetto alla destinazione festaiola che alcuni brani (The Passenger, la stessa Lust For life) hanno avuto nei club di tutto il mondo.

Oltre all’omaggio al Van Gogh di Vincente Minnelli, le liriche di “Lust for life” testimoniano con feroce ironia lo stato di passaggio da una condizione difficile e marginale all’immersione totale nell’occhio televisivo globale, effetti collaterali di rigetto inclusi. Che Iggy Pop fosse a disagio con tutti i meccanismi promozionali estranei alla violenza “pura” della qualità performativa, è un fatto. Lo racconta anche Paul Trynka in “Open Up and Bleed”: si rinchiuse a doppia mandata allo Schlosshotel di Berlino, consumando cocaina e rifiutando tutto quanto era legato a quel disco, da The Passenger  alla copertina fotografata da Andrew Kent, fino a provocare un netto distacco con lo stesso Bowie. Il tour promozionale dell’album fu abbandonato presto e il contratto con la RCA volse verso il termine con la pubblicazione di TV EYE Live, documentazione a qualità bootleg di alcuni show del ’77. L’album successivo, il potentissimo e sottovalutato “New Values“, uscirà per la Arista Records.

Non esiste di “Lust For Life” alcuna produzione video ufficiale realizzata a scopo promozionale, ad eccezione di qualche deragliante passaggio televisivo che individua Iggy Pop come corpo eccentrico, irregimentabile ed eccedente rispetto alla cornice catodica
In questo senso si stabilisce una complicità ludica con Ad Visser e l’olandese TopPop, da cui l’artista americano andrà più volte, che sarà capitalizzata per i video ufficiali del disco successivo.

“I’m Bored” e la splendida “Five foot one” inseriscono il corpo selvaggio di Pop nel limbo dello studio, isolandolo nello spazio di un set fotografico; una consuetudine per i promo video precedenti agli anni ottanta, spesso prolungamento cromatico e geometrico degli artwork, qui sottoposti ad erosione interna. Il corpo di Pop evidenzia il carattere dinamico della differenza: sollecita, destabilizza, anche quando il “box” televisivo vorrebbe cannibalizzarne l’identità. 

Il 9 luglio scorso, dal canale ufficiale di Iggy Pop è sbucato un nuovo video ufficiale di “The Passenger“, il primo mai realizzato. Diretto da Simon Taylor di Tomato Studio, collettivo londinese nato negli anni novanta intorno alla musica degli Underworld e specializzato in comunicazione visuale multi-piattaforma, un imprimatur di tutto rispetto e di altissimo livello che occupa la barricata opposta rispetto agli anni in cui Iggy distruggeva gli studi televisivi. 
Eppure, Taylor che è artista sensibile, pur utilizzando le foto raccolte da un veterano come Paul McAlpine nella forma celebrativa della memoria, innesta un viaggio notturno e continuo insieme al lettering polimorfo del liryc video, recuperando una incerta aura “impressionista” alla Exploding Plastic Inevitable. 
Ancora una volta, il corpo storicizzato di Pop è al centro, ma sfugge nel fuori fuoco della notte. 

Iggy Pop – The Passenger – Dir: Simon Taylor

Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. Si occupa da anni di formazione e content management. È un esperto di storia del videoclip ed è un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Ha pubblicato volumi su cinema e new media.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

David Bowie, il nuovo video è Valentine’s Day

Il video di Valentine's Day, diretto da Indrani & Markus Klinko per David Bowie

Sepiatone – Shallow Tears: il video in esclusiva Italiana su indie-eye

Tra materia e memorie che si confondono, il nuovo video di Sepiatone si intitola "Shallow Tears" e vede una bellissima Marta Collica insieme ad un carismatico Hugo Race. Il video precede l'uscita di "Echoes On" il loro nuovo album ed è In esclusiva lancio per l'italia su indie-eye

Nick Mulvey – Meet me There: il video di James Morgan

Nuovo video per il fotografo e reporter James Morgan girato per Nick Mulvey; il bellissimo Meet me There

Elisabetta Virgili – Chi? – Guido Manuli tra animazione e videoclip

"Primo amore", la bellissima sigla realizzata da Guido Manuli nel 1977 può essere inserita a tutti gli effetti nella storia apolide dei videoclip

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015