martedì, Settembre 22, 2020

Nirvana – Heart-Shaped Box – il videoclip di Anton Corbijn: dis-illusioni

Usciva oggi, 30 agosto 1993, "Heart-Shaped Box", il singolo dei Nirvana tratto da "In Utero". Vi raccontiamo il video diretto da Anton Corbijn: una dis-illusione pulsante

Quando Kurt Cobain contatta Anton Corbijn, il regista olandese aveva già realizzato tutti i video più famosi degli anni novanta per i Depeche Mode, “One” per gli U2 e tutta una serie di prodotti per la grande industria. Cobain però gli rivela di aver amato il lavoro fatto con gli ultimi Echo & The Bunnymen, quelli del quarto e del quinto album, appena prima lo scioglimento. Se si guarda con attenzione “Seven Seas“, girato per promuovere “Ocean Rain“, non è difficile rintracciare una linea molto precisa che conduce fino ad “Heart-Shaped Box” e che indica una delle ossessioni principali di Corbijn nel rielaborare l’immaginario del cinema delle origini attraverso vari elementi, che includono la fotografia still life, la relazione tra immagini analogiche ed elettroniche e un nuovo territorio di passaggio che gli consenta di traghettare i segni del protocinema e di quello classico, nella dimensione di una video-arte catodica di consumo.
Per il video di “Heart-Shaped Box”, la ricerca di Corbijn si sposta verso il Technicolor e quando scopre di non poter riprodurre lo stesso processo, perché il brevetto è stato venduto ai cinesi, si avvicina alla tendenza televisiva emersa nella seconda metà degli anni ottanta che ritrasmetteva i classici del cinema statunitense sottoposti a colorizzazione computerizzata.

Del “nuovo vandalismo Hollywoodiano“, come l’aveva definito Roger Ebert, Corbijn cerca gli aspetti più creativi, intercettando la valenza combinatoria del processo. Gira quindi a colori, opera un successivo trasferimento in bianco e nero ed invia il risultato in Messico per far dipingere a mano un fotogramma alla volta.

I riferimenti visuali e gran parte delle sceneggiatura furono opera di Kurt Cobain; Corbijn si trovò di fronte ad un artista consapevole e in grado di determinare le scelte più importanti prima di allestire il set. Le aggiunte e i contributi diretti del regista olandese, oltre all’estetica visuale del contenitore, si limitarono all’idea dei corvi meccanici appollaiati sulla croce e all’angelo “oversize” con gli organi interni in rilievo, direttamente ispirato all’artwork frontale di “In Utero“.

In realtà, il concept desunto da un manichino anatomico trasparente e messo insieme dall’art director Robert Fisher, era già l’adattamento di un’idea dello stesso Cobain, a conferma di una centralità inevitabile dell’artista di Aberdeen nell’assemblare il suo progetto più sofferto.

Difficile stabilire chi avesse ragione nella controversia per violazione del diritto d’autore che vedeva Kevin Kerslake contro i Nirvana, a quanto pare risolta in sede extragiudiziale. Il regista statunitense che aveva diretto tra le altre cose alcuni video per i Sonic Youth e tre per i Nirvana, a partire da “In Bloom“, rivendicava la paternità delle idee e il primo ingaggio per la realizzazione di “Heart-Shaped Box”: ″Una giovane ragazza nata in una famiglia del Ku Klux Klan, una stanza piena di fiori, campi di papaveri, una foresta di alberi nodosi, un personaggio simile ad uno spaventapasseri e un vecchio su una croce. ″ Questi gli elementi costitutivi del soggetto che Kerslake disse di aver pensato per il video, attraverso le dichiarazioni del suo ufficio legale, rilanciate da AP News l’11 Marzo del 1994. 

In poco meno di cinque minuti, il concept dell’album definito da Cobain come “Sex and woman and In Utero and vaginas and birth and death” viene sdipanato da una serie di bozzetti di ascendenza pittorica che coinvolgono simbologie personali e biografiche, politiche e religiose, iconiche e di consumo, in un cortocircuito tra formato mainstream e violenza grafica. Ovunque fioccano interpretazioni allegoriche di scarso livello che cercano una relazione quasi figurale tra il livello testuale e il suo compimento in una dimensione mitica, mentre l’interesse del video risiede nella convergenza tra segni e testi di diversa provenienza, a partire dal dialogo tra liriche e immagini, in un intreccio che non è mai binario e genera ogni volte nuove associazioni.

Gli interventi di Corbijn sul colore e sull’allestimento del set avvicinano “Heart-shaped Box” a quella cannibalizzazione della storia delle immagini che il talentuoso fotografo aveva già sperimentato con i Propaganda, incorporando tra le altre cose, una versione degenerata del “Mago di Oz” di Victor Fleming, girato in Tehcnicolor nel 1939 e ormai infinitamente ri-quadrato dal broadcasting televisivo. 

Cobain plaude al lavoro di Corbijn definendolo come un’incredibile fotografia di ciò che transitava nella sua mente, mentre saranno molti ad appropriarsi di quel flusso di coscienza in più di un’occasione, inclusa naturalmente Curtney love

In realtà transita anche nella nostra coscienza come immagine del contrasto, dis-illusione ancora pulsante, in quello scontro tra “teenage drama” e cultura pop, mercato e verità, racconto televisivo ed esperienza quotidiana, prima che l’ipostasi del vero, tra necrologi e necrofilie, diventasse un falso positivo.

Nirvana – Heart-Shaped Box – Dir: Anton Corbijn (Director’s Cut)

Michele Faggi
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. Si occupa da anni di formazione e content management. È un esperto di storia del videoclip ed è un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Ha pubblicato volumi su cinema e new media.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Califone – il video di “Movie Music Kills a Kiss” diretto da Tim Rutili

Movie Music Kills a Kiss è il nuovo video di Califone interpretato da Angela Bettis

Mangiacassette – Parlavi di altri tuoi simili come fossero bestiole: il videoclip

Mangiacassette e il suo nuovo album. Il videoclip lancio

Charlotte Cardin – The Kids: il video diretto da Kristof Brandl

Charlotte Cardin, per il suo nuovo singolo, sceglie di collaborare per la seconda volta con il talentuoso Kristof Brandl. The Kids è già "staff pick" per la redazione di Vimeo ed è un racconto crudele sull'infanzia oltre ogni buonismo. Prosegue il personale discorso di Brandl su un'umanità ai margini e conferma il talento di un autore da tenere assolutamente d'occhio.

Mamavegas, il video di Wonder Tortilla

Mamavegas: Online il nuovo videoclip di "Wonder Tortilla", il quinto estratto dall'ultimo album "Arvo".

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015