giovedì, Aprile 18, 2024

Betzy – Romancing the Bone (Lady Lovely, 2010)

Romancing the Bone è il primo disco di Betzy, al secolo Fabio Cussigh già negli Amari, ideato, costruito e registrato in seguito a un suo viaggio newyorkese. Fin da subito ci rendiamo conto della presenza quasi totale degli States in ogni traccia: Just a Call, con il suo assolo remixato potrebbe essere un’outtake di Odelay di Beck, come pure Little Student; Shopgirl è Elton John innamorato del blues degli Zeppelin, dove viene sostituito il pianoforte con un synth melmoso; Mess Around e Always in the Dog House ricordano il Lou Reed di Transformer. Potrei continuare ancora con i Gomez, David Bowie e addirittura John Lennon, artisti britannici che da sempre hanno prestato molta attenzione alla produzione musicale nordamericana. Non è affatto originale questo Romancing the Bone, e lo si capisce da tutti gli spunti che giungono alle orecchie dell’ascoltatore, nonostante la produzione volutamente lo-fi cerchi di spostare l’asse percettivo. Se scarnificato, è un album di allegri midtempo acustici che approcciano al pop partendo sempre dal blues più sporco e dal rock glam dei primi anni ’70. Gradevole all’ascolto e abbastanza convincente come prima prova.

Elia Billero
Elia Billero
Elia Billero vive vicino Pisa, è laureato in Scienze Politiche (indirizzo Comunicazione Media e Giornalismo), scrive di dischi e concerti per Indie-eye e gestisce altri siti.

ARTICOLI SIMILI

GLOAM SESSION

spot_img

CINEMA UCRAINO

spot_img

INDIE-EYE SHOWREEL

spot_img

i più visti

VIDEOCLIP

INDIE-EYE SU YOUTUBE

spot_img

TOP NEWS

ECONTENT AWARD 2015

spot_img