lunedì, Marzo 1, 2021

Ghost Outfit – I Want You To Destroy Me

Dietro la parete impenetrabile di distorsioni in feedback e l’apparente monoliticità si cela un lavoro dagli spunti più inattesi, che prendono l’avvio da un suono pencolante tra un indie noise grunge molto’90; lo shoegazing pop dei Jesus And Mary Chain filtrato, di conseguenza, attraverso l’osessività kraut nell’insistenza sui riff ripetuti in loop infiniti; istinti da wave albionica nell’impostazione vocale da Robert Smith etilico (I Want Someone Else o Killuhs, poi, ancora, in titrata Faust/Neu); il post di marca Fugazi (Switch) e certe bianchissime derive acide da rock nordico. Tanto che ad emergere, su tutto il lavoro, è una sensibilità melodico/isterica che rimanda direttamente ai Motropsycho altezza Demon Box o Timothy’s Monster: nelle linee armoniche di brani come Sleep o in ballate elettriche come Words e Too Soon, se non nelle sospensioni psichedeliche di Lexicon. Quello stesso approccio aperto, quella stessa volontà di articolare il proprio suono dall’interno di uno spazio pesante hardcore/hard rock che la stessa band norvegese stenta da molto tempo a recuperare.
Il disco suona, così, veloce e tirato; senza cali di tensione, nemmeno nelle parentesi più riflessive (che sono sempre agitate, però, da una carica nevrotica); mosso e caotico ma invariabilmente accattivante, seppure mai un brano riesca a sollevarsi dagli altri ed imporsi nella memoria.
Ne risulta un lavoro, comunque, fresco, onesto ed omogeneo; riprova di quanto un certo approccio (si potrebbe dire innodico) alla materia sonora, se ben strutturato, possa risultare coinvolgente, aldilà di ogni possibile moda o corrente. Per non dire dell’irresistibile aura di disillusa amarezza che lo investe e che non poteva trovare espressione più compiuta, in un titolo che è consapevole atto di disincantata, autolesionistica, prostrazione amorosa. 

 

Alessio Bosco
Alessio Bosco - Suona, studia storia dell'arte, scrive di musica e cinema.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Bugo ft. Ermal Meta – Mi Manca. L’intervista a Eros Galbiati e Sara Barbara, regista e produttrice del videoclip

"Mi Manca" è il nuovo videoclip di Bugo con la partecipazione di Ermal Meta. Iinterpretato da un'intensa Ambra Angiolini, ha raggiunto quasi due milioni di visualizzazioni. Lo ha prodotto Sara Barbara per d’ARIA e diretto Eros Galbiati, attore, regista e fotografo di talento. Li abbiamo intervistati entrambi per conoscere le fasi di realizzazione del video

Truman and Cooper, l’intervista: ci piacciono le emozioni intense e pericolose

A pochi giorni dalla pubblicazione del nuovo video di Son Lux, "Alternate World", diretto dai due videasti Francesi "Truman & Cooper" torniamo a parlarne direttamente con i due autori, grazie ad un'intervista sul loro modo di concepire l'immagine e i video musicali

Mesmerising – The Vortex, il video di Paola Luciani in anteprima esclusiva

Interpretare la realtà invece di subirla. Questo ci suggeriscono il cantautore Davide Moscato in arte Mesmerising e l'animatrice Paola Luciani. La seconda ha realizzato uno splendido videoclip per "The Vortex", brano contenuto nell'ultimo album di Moscato, che presentiamo in anteprima esclusiva insieme ad un'intervista.

Technoir, Haters Hate: il making del videoclip e l’intervista

Essere musicisti e artisti nel 2020, vuol dire sapersi evolvere ed essere multimediali nel vero senso della parola. Si esprimono così i Technoir che per promuovere il loro nuovo album hanno realizzato lo splendido video d'animazione per il singolo di "Haters Hate". Abbiamo approfondito tecniche e scelte con Alexandros Finizio e Jennifer Villa

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

ECONTENT AWARD 2015