martedì, Settembre 29, 2020

Giovanni Ferrario – Headquarter Delirium (Pocket Heaven Records – Audioglobe 2008)

Circolava già da un po’ ma è solamente dal 3 ottobre che il “debutto” solista di Giovanni Ferrario sarà disponibile anche in Italia grazie ad Audioglobe; c’è una storia personale e trasversale dentro Headquarter Delirium da far tremare i polsi, non è semplicemente la militanza decennale in una scena i cui confini sono stati oltrepassati da pochi musicisti nel nostro paese, ma è un racconto personale e culturale che non sarebbe possibile senza le cicatrici del tempo. Le quattordici tracce di quest’album non sono contenibili in un solo, conciso, ascolto, e non stiamo parlando di eclettismo, ansia da accumulo, sprechi citazionisti, quelli fanno parte di un fast food globale che lasciamo all’arroganza di chi il tempo vorrebbe accellerarlo consumandosi o cercando di farci consumare dieci, vent’anni di discografia in due sessioni di download. Story of your life trafigge da subito con quest’amore profondo per il songwriting di Lou Reed che torna come una metastasi per tutto l’album come se fosse un dialogo privilegiato con una radice interiore affrontata attraverso l’erosione, un gesto d’affetto o un insulto iconoclasta. Non si tratta di un viaggio a ritroso o di una delle immagini della nostalgia, è il progressivo inabissarsi della forma canzone nel delirio della visione che trascina le quattordici tracce dell’album; già da New Car le tastiere di Giovanni e il muro di fiati quasi bowiano messo insieme da Enrico Gabrielli disegnano un tracciato libero, un Jazz senza standard intorno ad una struttura che affettivamente ricorda le atmosfere più belle degli Stranglers scomposte da una furia visionaria e improvvisativa. Anche quando si torna alla forma seduttiva di Elsewhere le diavolerie di Asso Stefana e il violino di Nicola Manzan spezzano il guscio e invece di abbellire con lo zucchero degli arrangiamenti generano aperture e lasciano sospese le intuizioni. La title track in un certo senso fa da spartiacque ed è un brano nodale affetto com’è da un’elettronica espressionista che non si preoccupa troppo del bello, del suono perfetto a tutti i costi e che fa pensare, almeno per forza d’intenti, al John Cale di Music for a New Society; un fantasma, quello di Cale che tra l’altro torna in molte tracce e mi riferisco in particolare alla sperimentazione sulla carcassa del blues che attraversa gli album meno conosciuti del musicista gallese, capolavori di sintesi blues minimale come Helen of Troy o Honi Soit; intendiamoci, questi sono solo strumenti della parola, appigli che servono a chi scrive per raccontare un universo complesso di suoni che in Headquarter Delirium supera queste e altre suggestioni. Si prendano brani come Honeymoon in Tribeka, Holy Freebased Blues e la sorprendente Sea Song, sono momenti di ricreazione decostruzionista, e se vi sembra una considerazione buttata li, provate a mettere insieme il deserto, brandelli di Street Hassle, il Jazz di Tom Verlaine, l’oscurità degli anni ’80 visti da quaggiù, la sperimentazione come forma della libertà e provate a riconoscerli dentro di voi. Se invece preferite una formula; questa è la migliore uscita “Italiana” del 2008.

Redazione IE
Redazione IE
Per contattare la redazione di Indie-eye scrivi a info@indie-eye.it || per l'invio di comunicati stampa devi scrivere a cs@indie-eye.it

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Rosalia – Aute Cuture, il videoclip di Bradley&Pablo

Moda, advertising, performance. Spazi convergenti nel nuovo videoclip di Rosalia

I migliori video musicali di Maggio 2014

Primo di una serie di articoli periodici sui migliori video musicali del mese visti, selezionati e recensiti per voi dalla redazione di indie-eye

Mashrou’ Leila – Roman: il video di Jessy Moussallem

Roman, il nuovo video dei Mashrou' Leila è diretto da una donna di Beirut: Jessy Moussallem. Elegia femminista per il mondo Arabo

Videoclip: il suono del silenzio

Germaine Dulac, Mike Nichols, Simon & Garfunkel e il suono del silenzio

The killers and me di New Bums: il video di Willem Jones

Nuovo video per New Bums, il duo formato da Ben Chasny e Donovan Quinn, dirige Willem Jones

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015