sabato, Settembre 19, 2020

Luminal – Canzoni di tattica e disciplina – (Action directe / Fridge Records / Goodfellas 2008)

Se non fosse per il forte impatto sonoro di quella dura miscela di rock misto all’alternative noise, si direbbe che stiamo ascoltando qualcosa che viene dal passato, quando ancora c’era qualcuno che aveva una sana voglia di comunicare, sia che si trattasse di ideali politici e non, incazzature e delusioni sul proprio presente e voglia di cambiamenti. Sembra che grazie ai Luminal siano tornati i tempi dell’impegno politico e sociale in musica, o meglio, perchè non è vero che non ci sia senza di loro, parlo di quella voce urlante che chiede di essere ascoltata e seguita.”Canzoni di tattica e disciplina” è un lungo sfogo personale che poi tanto personale non è e che sottintende, senza intelligentemente dichiararle una serie di regole di comportamento sociale;una decisa dichiarazione di lotta verso il cambiamento e sopravvivenza in un 900 assurdo e tragico come quello in cui ci siamo trovati a vivere.”Ascolto il mio tempo/io credo al mio tempo/c’è un lento pianto in corso/e infine muore il 900”,così si apre il primo brano ed è solo un piccolo esempio di ciò che contiene l’intero album, carico di parole con forte impatto e mai messe a caso. L’attenzione che qui viene dedicata ai testi è chiaramente la cosa che più suscita interesse, visto che è troppo facile oggigiorno appassionarsi a quel poco che di sociale qualcuno possa mettere in musica, ma più difficile è sicuramente riscontrare negli stessi testi un’idea coscientemente sentita dall’individuo stesso che si trova a scriverla e che non comunichi ,piuttosto, quella solita sensazione di finzione, la ricerca di un vocabolario che componga storie che attraggano gli ascoltatori ma che poi,in fondo, non si sa bene in quello in cui si va a finir di credere, come se chi è sul palco,invece che un cantautore fosse un eccellente oratore. Come succede per tutte le grandi speranze, anche qui ci sono dei momenti di sconforto, paura di non farcela o voglia di scappare come in “Tattica e disciplina” o “Lumen”, ma alla fine la volontà personale sovrasta ogni altro sentimento e la negazione dell’arrendevolezza pure. I pezzi più intensi di tutto l’album sono sicuramente “La distruzione”e ”Inferno/Paradiso”, cupe, graffianti e cariche di rabbia. Decisamente un’ottima scelta anche quella di alternare equamente una voce maschile e una femminile, anche se, a volte, dalla seconda preferiremmo un po’ meno cadenza vocale discendente che un po’ stanca , soprattutto quando si capisce chiaramente che di forza ce n’è e basterebbe usarla di più. “Il fiume”, ultima traccia del disco è quella che più conserva un sapore di tradizione, una storia raccontata con toni più dolci, che si rivela essere una giusta chiusura. Ma i Luminal ci fanno un ultimo regalo, una ghost track che fortunatamente non rimane nascosta a lungo. La storia di un lutto, uno di quelli per cui ognuno di noi, prima o poi, si trova a desiderare che tutto intorno si fermi ma niente di tutto ciò accade mai. Una morale che racchiude in se tutto il senso di questo intenso lavoro:”Aspettiamo sempre tempi migliori, ma non ci rendiamo conto che non c’è miglior tempo del presente”.

I luminal su myspace

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

David Fincher curerà un TV Show sulla storia dei Videoclip anni ’80

Tra i progetti di David Fincher una trasmissione televisiva dedicata alla storia dei Videoclip?

10K+ – I Videoclip italiani più visitati oltre le 10.000 visite – Gennaio-Giugno 2018

La classifica dei video italiani più visti su Youtube a partire da 10.000 Visite. Indie-eye lancia 10K+. Oltre ai 40 milioni di visite per Lo Stato Sociale e i 37 di J-AX & Fedez raggiunti molto più velocemente con il bel video di "italiana" diretto da Martina Pastore, alcune sorprese tra cui il video girato a secondigliano per Geolier & Nicola Siciliano (6 milioni di visite) e sulla soglia delle 12.000 visite la scalata degli Stolen Apple senza alcun supporto promozionale e in pochissimi mesi. Assenti molte promozioni indipendenti, spesso appena sopra la soglia delle 1.000 visite. Nomi, cognomi, registi e videoclip! Buona visione

Death And Vanilla – tra pop, fantascienza e sperimentazione: l’intervista in esclusiva

Il nuovo album dei Death And Vanilla esce il prossimo 4 maggio e si intitola "To Where the Wild things are" come un noto libro di Maurice Sendak, ma non è la sola influenza visionaria del trio svedese sotto contratto con Fire Records. Per capire da vicino i segreti di una delle rivelazioni più suggestive e coinvolgenti del panorama internazionale, tra pop e sperimentazione, abbiamo incontrato i fondatori del progetto, Marleen Nilsson e Anders Hansson per una lunga intervista

Paolo Benvegnù – La nostra vita innocente, il videoclip di Paolo Benvegnù e Letizia Frattegiani

Il video de "La nostra vita innocente"realizzato da Paolo Benvengù insieme alla compagna Letizia Frattegiani

Cancer Bats – Gatekeeper, il videoclip d’animazione diretto da Stevie Gee

Cancer Bats, hardcore metal band dal Canada, si serve dell'animatore Stevie Gee per il nuovo videoclip. Gatekeeper è ispirato a certi cartoon statunitensi televisivi degli anni 80.

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

Duocane – Memorie dal Sottosuono, il videoclip di Stefano Capozzo

Memorie Dal Sottosuono, esempio combinatorio di videmaking. Il nuovo video dei Duocane

ECONTENT AWARD 2015