mercoledì, Gennaio 27, 2021

Management Del Dolore Post Operatorio – Auff!!

La simpatia e il non prendersi troppo sul serio sono cose che contano anche nella musica. Prendete Il Teatro Degli Orrori: primi due dischi notevoli, ma francamente la spocchia fieramente ostentata in ogni dove inizia a stancare più di una persona. Sempre meglio tenere un profilo basso, intelligente ed ironico, soprattutto se ci si rivolge al mercato italiano, luogo insidioso, volubile e fragile come  pochi altri. Il  Management Del Dolore Post Operatorio la lezione sembra averla capita; giunti al secondo disco, hanno l’indubbia capacità di scrivere liriche taglienti e cariche di sarcasmo senza apparire pretenziosi. Sicuri dei propri mezzi espressivi, cavalcano l’onda “riot” delle ultime generazioni di bands dedite al rock in italiano parlando di suicidi da “no future” e concorsi truccati, puttane politichesi e bambini obesi davanti ai videogame, fotografando in maniera efficace – al netto di alcune semplificazioni un po’ buttate lì a caso, come il testo di Macedonia – l’Italia De Profundis attuale. La musica che gira intorno è puro crossover d’assalto che ricorda un certo numero di bands anni ’90 (Faith No More, Urban Dance Squad), strappi e pulsazioni punk funk alla Franz Ferdinand ed in generale una certa dose di irruenza agguerrita e cafona. Il risultato complessivo di tali alchimie genera un album essenziale, dritto e con nessuna caduta di tono, con alcuni picchi (i refrain appiccicosi della title track e di Signor Poliziotto, l’anthem punk di Norman, la migliore del lotto, il wave funk di Irreversibile) che ci fanno salutare Auff!! come un lavoro che si farà ascoltare ancora per parecchio tempo.

 

 

 

 

 

Denis Prinzio
Denis Prinzio è bassista di numerose band underground ora in congedo temporaneo, scribacchino di cose musicali per sincera passione, la sua missione è scoprire artisti che lo facciano star bene.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Io sono gli Oga Magoga, il docufilm di Pietro Lorenzini in esclusiva su indie-eye: Un furgone, una band, la provincia e un’orchestra.

Per realizzare "Apollineo/Dionisiaco" i senesi Oga Magoga hanno allestito un vero e proprio "Magic Bus". La meta non era l'India e il trascendente, ma l'immanenza della provincia Toscana. A bordo di un Furgone allestito come studio mobile, sono andati alla ricerca delle filarmoniche di paese e di alcuni musicisti occasionali, per includere un'orchestra nelle registrazioni. Se non puoi disporre di George Martin, te lo devi sognare. "Io sono Oga Magoga" è il documentario di 40 minuti realizzato da Pietro Lorenzini con una reflex, al seguito degli Oga Magoga durante le scorribande sull'appennino Tosco-Romagnolo. Indie-eye lo presenta in esclusiva assoluta.

Gianluca Riccieri dirige “Ti Sveglierò in Aprile” per i Miqrà tra le strade di Caltagirone

Gianluca Ricceri dirige Giovanni Timpanaro, voce e propulsore creativo dei Miqrà, a bordo di una giulietta e realizza un originale ritratto del paese reale. Il videoclip di "Ti Sveglierò in Aprile"

Girls Just Want to have fun: Cindy Lauper vs. Robert Hazard – Masculin Feminin

Usciva oggi 6 settembre 1983 il singolo di Cindy Lauper "Girls Just Want to Have Fun". riscrittura di un brano di Robert Hazard e making di un video sottoposto al controllo creativo dell'artista newyorchese.

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

ECONTENT AWARD 2015