giovedì, Settembre 24, 2020

Tokyo Police Club, Champ (Memphis Industries, 2010)

Da pochi giorni è uscito il secondo lavoro sulla lunga distanza dei canadesi Tokyo Police Club, Champ, a due anni di distanza dal precedente Lp Elephant Shell e a quattro dal folgorante Ep A Lesson in Crime. Il quartetto di Toronto con questo disco non rivede in toto il loro stile, un indie rock legato a doppio filo con gli Strokes delle origini, né molti di quei particolari che li hanno resi in qualche modo diversi dalla massa delle formazioni indie rock d’ispirazione punk e new wave nate e cresciute nell’ultimo decennio. Era il 2006 quando A Lesson In Crime etichettò il gruppo come rivelazione dell’anno e in effetti c’era di che applaudire; canzoni semplici eppure in qualche modo toccanti ed epiche come Nature of the Experiment o la distopica Citizen of Tomorrow facevano ben sperare la critica in un futuro roseo e pieno di successo. Poi, Elephant Shell demolisce in parte le aspettative precedenti, complice l’assenza di spunti originali e interessanti che avrebbero reso l’ascolto più piacevole. Champ segna una ripresa notevole e una fase di allontanamento dagli standard dei vecchi TPC. C’è sempre la batteria dall’incedere singhiozzante, le tastiere dissonanti e le chitarre distorte impegnati nella tessitura di reti avvolgenti; ma c’è anche una maggiore cura nella produzione (di conseguenza l’abbandono della galassia garage, sul quale orbitava il primo Ep) e un approccio catchy che rispetta la forma canzone classica e cerca contemporaneamente di sperimentare su altri campi. Si ascolti a riprova di ciò Bambi, perfetto singolo dall’intro di tastiere magnetico, o Gone, dalla costruzione math rock comunque appetibile. Con i battiti rallentati l’anima punk esala per far posto anche ad episodi post punk di indubbio valore, come la conclusiva Frankenstein e la toccante Breakneck Speed, avvalorate anche da una maggiore sicurezza riportata dal cantante e bassista David Monks. Nonostante qualche piccolo passo falso, l’anonima Big Difference e il furto a danni degli Strokes chiamato Favourite Colour, quest’opera è un buon modo per riaffacciarsi nella scena alternative con qualcosa da dire. “It’s good to be back”, è bello essere tornati, ripetono in più canzoni. Questa volta anche per noi.

Tokyo Police Club su myspace

Elia Billero
Elia Billero
Elia Billero vive vicino Pisa, è laureato in Scienze Politiche (indirizzo Comunicazione Media e Giornalismo), scrive di dischi e concerti per Indie-eye e gestisce altri siti.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Quinn Wilson dirige nuovamente un video per la star R&B Lizzo: il videoclip di Juice

Il corpo imponente di Lizzo nella videografia di Quinn Wilson. Il nuovo videoclip, "Juice"

Bruno & the Souldiers, il video di Kingston Funky Crime diretto da Stefano Sinopoli

Kingston Funky Crime è il nuovo video di Stefano Sinopoli realizzato per Bruno & the Souldiers

Lone Wolf, il video di Keep your eyes on the road, un omaggio a Sledgehammer di Peter Gabriel

Keep Your Eyes On The Road, il singolo di debutto di Lone Wolf è un video-omaggio a Sledgehammer di Peter Gabriel

Mumford & Sons – Guiding Light – il potente video live di Joe Connor

Il nuovo video di Mumford & Sons realizzato dall'ottimo Joe Connor è l'esempio di come ottenere un'ottima clip da una semplice, ma orchestrata performance live. Le parole chiave sono: intensità e calore

Flat Bit – 2000 Mode: il video di I Red produzioni in esclusiva su Indie-eye

Il nuovo videoclip dei Flat Bit si intitola "2000 mode" e anticipa l'Ep "Imperfette condizioni" in uscita il 1 aprile. Indie-eye lo propone in esclusiva per l'Italia. È un formidabile mix tra motion graphics e Kinetic typography con uno stile che richiama la cutout animation. A realizzarlo il team della "I Red" produzioni, attivo dal 2013 ma con le idee già chiarissime. Ne abbiamo parlato con Antonio Gerardo Risi della "I Red"

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015