mercoledì, Giugno 26, 2024

Climat – iccopoc papillon: la recensione

Combo francese attivo sin dal 2010 i Climat hanno realizzato prima di “iccopoc papillon” solo un altro album pubblicato nel 2013 e che ha consentito alla band di condividere il palco con formazioni come Civil Civic, Mars Red Sky, Seal of Quality, Quadrupede, Microfilm. Artefici di un rock strumentale sul modello di molte band degli anni ’90, con il nuovo album mettono insieme dieci tracce con l’intenzione di omaggiare la musica underground degli ultimi vent’anni. Ambizioni a parte i riferimenti sono quelli che si riferiscono all’ondata post-rock all’apice della sua codificazione, dall’impatto orchestrale dei Mogwai alle atmosfere più meditative di Aerial M fino alle strutture più geometriche dei matematici faraquet. Questa la superficie più evidente, perché una volta entrati nel loro universo sonoro, emergono numerose sfaccettature legate ai decenni precedenti della musica rock, tra psichedelia, desert rock e persino qualche incursione prog tenuta sotto controllo e asciugata dai pericoli del barocchismo. Da questo punto di vista, episodi come Piece détachées e Promis, demain j’arrete emergono sotto forma di strani mostri sonori che sintetizzano più storie (King crimson, i Rush, The Gathering, Voivod) veicolandole con una semantica anni novanta, niente di innovativo ma comunque sul solco delle riscritture intelligenti e ricche di vitalità.

Ugo Carpi
Ugo Carpi
Ugo Carpi ascolta e scrive per passione. Predilige il rock selvaggio, rumoroso, fatto con il sangue e con il cuore.

ARTICOLI SIMILI

GLOAM SESSION

spot_img

CINEMA UCRAINO

spot_img

INDIE-EYE SHOWREEL

spot_img

i più visti

VIDEOCLIP

INDIE-EYE SU YOUTUBE

spot_img

TOP NEWS

ECONTENT AWARD 2015

spot_img