giovedì, Settembre 16, 2021

Mike Patton: il signore delle mosche

Al di là della suggestione tra mosche e divinità, che non può non farci venire in mente il romanzo più famoso di William Golding, in seguito bellissimo film diretto da Peter Brook, la relazione tra Mike Patton e il grande fattore è sempre stata controversa. Questa frase pronunciata nel 2003 durante un’intervista concessa da Patton alla stampa Americana, è solamente la punta dell’iceberg. Gioverà ricordare un’esibizione storica dei Faith No More a Bologna, nel 1990, durante il Monsters of Rock; il sole picchia violento durante il pomeriggio del 30 Agosto, un Patton indiavolatissimo, con un vocabolario Italiano allora più limitato di quello di adesso, libera tutta la sua rabbia insultando alcuni dei Poison (“fatemi un p*****o”) e pronunciando una bestemmia al microfono. Tempo pochi minuti e si scatena l’inferno sulla terra, un vero e proprio uragano improvviso della durata di circa 10 minuti si abbatte sull’arena Parco Nord di Bologna e costringe il pubblico a rifugiarsi velocemente verso alcuni stand al coperto. Patton interrompe il concerto. Forse ti tocca davvero crederci, caro Mike.

Giulia Bertuzzi
Giulia vede la luce (al neon) tra le corsie dell'ospedale di Brescia. Studia in città nebbiose, cambia case, letti e comuni. Si laurea, diventa giornalista pubblicista. Da sempre macina chilometri per i concerti e guadagna spesso la prima fila.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

spot_img

i più visti

VIDEOCLIP

INDIE-EYE SU YOUTUBE

spot_img

TOP NEWS

ECONTENT AWARD 2015

spot_img