Indie-eye – VIDEOCLIP – Testata Giornalistica di Musica & Immagini

Il 23 novembre Carla Bozulich e la sua band/lab Evangelista si esibiranno al Brancaleone (via Levanna 13, Roma) in unica data italiana, evento di punta (e chiusura) della seconda edizione di VIva! inserita nel cartellone del Romaeuropa festival.  

Di

Operativa nell’ultimo decennio con la sigla Evangelista – dopo una carriera spesa insieme agli industrial-rockers Ethyl Meatplow e ai ben più noti alternative-country rockers Geraldine Fibbers, Carla vive una seconda giovinezza artistica da quando nel 2006 (all’epoca unica musicista non canadese) è stata accolta in casa Constellation, cult-label di Montreal su cui pubblicano tra gli altri i Godspeed You! Black Emperor.

Il titolo del suo primo album, “Evangelista”, è diventato nel 2007 il nome del progetto stesso, sorta di laboratorio aperto i cui punti fermi sono presto diventati, oltra a Carla, Tara Barnes (basso), Dominic Cramp (tastiere); e più di recente John Eichenseer aka Jhno (viola, tastiere). Le registrazioni e i numerosi tour con Evangelista non hanno impedito a Carla di portare avanti numerose collaborazioni e di esibirsi in progetti di sound installation presso la Schindler’s House e il Getty Museum.

Nell’agosto del 2009 Carla ha suonato al fianco di Marianne Faithfull e Marc Ribot all’interno della Ruhrtriennale 2009 a Dusseldorf. Nel 2011 ha curato una giornata del prestigioso Donau Festival, dove ha invitato Laurie Anderson, David Tibet e Lydia Lunch. In occasione del concerto romano, e a testimoniare l’unicità dell’evento, Evangelista diventa un settetto e accoglie al suo interno il drumming di Andrea Belfi (Hobocombo, David Grubbs, Il Sogno del Marinaio), il violoncello di Andrea Serrapiglio (Zu93, Airchamber 3, Barbara de Dominicis) e la chitarra elettrica di Adriàn de Alfonso Prieto-Puga (Don the Tiger). “A killer line-up”, come l’ha definita la stessa Carla, che ripercorrerà in lungo e in largo il repertorio di Evangelista e presenterà anche materiale inedito e trovate sceniche appositamente pensate per il festival.