giovedì, Settembre 24, 2020

Cocoanut Groove – How to build a maze: la recensione

Ho sempre creduto che le tradizioni dei paesi nordici per quanto concerne la musica pop siano un mistero affascinante: la capacità con la quale fanno propri diversi stili musicali, anche nati lontanissimo, sempre legati al pop ed al rock, li rende come dei “canadesi europei”, pronti a sperimentare e ad allargare il proprio raggio d’azione su quante più nicchie musicali è possibile esplorare. Tempo fa ho avuto conferme di ciò dagli Oh No Ono, danesi pazzi di electro-prog-pop, questa volta dagli svedesi Cocoanut Groove, eredi improbabili della ondata hippie californiana, sebbene il sole scaldi poco in quelle terre inospitali. E’ incredibile la facilità con la quale riescono a ricreare quell’atmosfera di bassa fedeltà dei dischi dei Lovin’ Spoonful (da cui hanno preso il titolo del disco), come pure Van Morrison, i moog, i Byrds, la beat generation francese. Qualche episodio si sviluppa in modo ottimale, come Prelude, la movimentata North Country Summer, la Turtles-iana Afternoons, la sigla da Far West Colours, la pseudo cover degli Smiths Night Walk. Il percorso seguito prosegue il cammino cominciato con l’Ep Colours di due anni fa, breve port-folio di emozioni pop rock, quasi tradizionalista. Con questo disco lo studio è più sui sottogeneri musicali, mantenendo intatta la capacità di collegarli a sentimenti sottotraccia. Musica lieve quella del cantautore Olov Antonsson, potrebbe lasciare le tracce di una pioggerellina estiva: se dopo poco esce il sole, il pensiero è già passato.

Elia Billero
Elia Billero
Elia Billero vive vicino Pisa, è laureato in Scienze Politiche (indirizzo Comunicazione Media e Giornalismo), scrive di dischi e concerti per Indie-eye e gestisce altri siti.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Goldfrapp – Joe: il nuovo video diretto da Lisa Gunning

Joe è il nuovo video di Goldfrapp che promuove la versione deluxe di "Tales of us" l'ultimo album del duo inglese; è un piccolo noir dell'anima diretto da Lisa Gunning e tassello conclusivo di quel progetto visuale che ha debuttato nelle sale inglesi lo scorso marzo.

I migliori video musicali di Maggio 2014

Primo di una serie di articoli periodici sui migliori video musicali del mese visti, selezionati e recensiti per voi dalla redazione di indie-eye

The Hour – Wasted: Una Gran Bretagna senza diritti nel video di Ben Strebel

Una community macherata nel video di Ben Strebel realizzato per The Hour. L'anonimato ci salverà dall'iper controllo della rete: Il video di "Wasted"

Jessie J. il video di Wild diretto da Emil Nava

Jessie J. torna a lavorare con il geniale Emil Nava per la produzione di Wild, video che anticipa il secondo album dell'artista britannica...

Everybody Tesla, il video di Bee Twin Mountain

Primo esperimento in italia realizzato con un processo di looping e riversamento su VHS, è il nuovo video degli Everybody Tesla, tutti i dettagli e il video...

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015