Indie-eye – VIDEOCLIP – Storia e Critica dei Video Musicali

Il regista e architetto londinese Samuel Douek si ispira al cinema surrealista degli anni trenta per il video di "Cascades" diretto per Denai Moore 

Di

Samuel Douek si è immaginato l’inconscio di Denai Moore come un set imbevuto di cultura visiva. Un mondo bizzarro dove la performer potesse perdersi fino a trovare il suo vero volto, dietro le maschere identitarie create dalla sua mente. Ispirato dal cinema surrealista degli anni trenta e da fotografi di moda come Tim Walker, il videasta stanziato a Londra e formatosi come architetto, si è basato sulla sua disciplina di studi, pianificando misure e volumi gonfiabili e plasmabili sulla base di una percezione distorta della prospettiva. I suoi video, che usualmente si muovono in un territorio liquido e desumono parte dell’immaginario dalla cultura LGBTQ, vengono riassunti in modo eccellente da “Cascades”, fantasia cromatica sospesa tra design, fashion movie e la rilettura di certi videoclip degli anni ottanta, che rielaboravano i set del cinema surrealista in forma pop.

Denai Moore – Cascades – Dir: Samuel Douek

 

Michele Faggi

Michele Faggi

Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. Si occupa da anni di formazione e content management. È un esperto di storia del videoclip ed è un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Ha pubblicato volumi su cinema e new media.