martedì, Settembre 29, 2020

Grinderman – Grinderman 2 (Mute, 2010)

In coppia si lavora meglio, la storia ce lo insegna. Gianni e Pinotto, Franco e Ciccio, Gigi e Andrea, Zuzzurro e Gaspare, il Gatto e la Volpe sono solo alcuni degli esempi che mi vengono in mente. Persino Nick Cave, nonostante le sue eccellenti doti di autore solista, ha sempre avuto bisogno di un comprimario per esprimersi al meglio. Il ruolo che in principio fu di Rowland S. Howard (RIP) e poi di Blixa Bargeld, da qualche anno è occupato dall’ex Dirty Three Warren Ellis. Mi sono sempre chiesto perché mai Cave non abbia conferito a Mick Harvey – il suo più antico e fidato collaboratore – l’onore di diventare il compagno di merende definitivo. Forse se lo è domandato anche Mick, visto che nel 2009 ha lasciato i Bad Seeds sbattendo la porta. Azione in parte giustificata, specie se consideriamo che un paio di anni prima Cave aveva pubblicato un album a nome Grinderman; praticamente una riunione del gruppo senza Harvey. Una deviazione sul percorso che si sarebbe dimostrata ben più di un semplice side-project: il divertissement aveva acquisito crescente popolarità, tanto che Dig, Lazarus, Dig!!! dei redivivi Bad Seeds sembrava influenzato dal suono di Grinderman, e non viceversa. Con l’uscita di questo secondo volume, il quartetto si posiziona su un piano di sostanziale parità – se non di superiorità – rispetto al gruppo madre. I Grinderman sono l’altra faccia dei Bad Seeds: invece di assecondare le velleità cantautoriali del leader si sentono liberi di fare casino, immergendosi in un contesto più ludico e corale. Ciò detto, prenderò a schiaffi il prossimo che me li paragona ai Birthday Party. Le affinità fra le due formazioni si esauriscono nell’essere entrambe composte da individui che suonano strumenti. È pur vero che l’ombra degli Stooges continua a perseguitare Cave e compagni come un lupo assetato di sangue (si ascolti al riguardo l’assalto panzerfaust di Mikey Mouse and the Goodbye Man), ma rispetto ai Birthday Party i Grinderman mancano del tutto di incoscienza giovanile (comprensibilmente, data l’età!), di quel senso di follia dionisiaca à-la Pop Group che ne decretava la grandezza. Se anche il caos è presente in quest’opera seconda, rimane comunque sotto il saldo controllo di quattro navigati professionisti. Il che non rende certo Grinderman 2 un brutto disco. In effetti, è un disco con i controcazzi. Solo, diverso. Qui il punk non c’entra nulla, si attinge semmai al più puro spirito rock’n’roll, dimostrando al contempo amore e rispetto per la musica da cui il rock discende in linea diretta. Vale a dire blues, gospel, country, folk, hillbilly. Un’operazione didascalica che assomiglia a quella operata dai Bad Seeds su The Firstborn is Dead. Lo spirito in questo caso è meno cupo, più allegramente votato al cazzeggio, ma la sostanza è la stessa. La novità è che la lista delle influenze stavolta comprende non solo i country bluesmen dell’anteguerra, ma anche i gruppi di ragazzini inglesi che, un trentennio più tardi, avrebbero eletto quel suono a proprio vangelo personale. Un pezzo come Kitchenette sembra scritto dai Rolling Stones sotto Pentothal, e in più di un’occasione fa capolino una vena hard che rimanda ai Led Zeppelin (!). Si nota subito come l’opera ribalti l’equazione ballate/noise propria di Grinderman. Nonostante lo scatenato apripista No Pussy Blues, il primo disco si manteneva perlopiù su cadenze moderate. Qui l’affondo rock è la regola, più che l’eccezione: Jim Sclavunos pesta con decisione lungo l’intero album, Warren Ellis fa deflagrare esplosioni di rumore bianco a più riprese. L’unico pezzo che possa fregiarsi del titolo di ballad è Palaces of Montezuma. What I know ci prova, ma è molestata da un crepitio di sottofondo vagamente inquietante. When My Baby Comes parte defilata, ma si evolve inevitabilmente in una coda rumorosa e psichedelica, dove il basso distorto di Casey raggiunge estasianti empirei Mötorhead. Sarà la voglia di divertirsi dettata dalla crisi di mezza età, saranno le prime avvisaglie della demenza senile; fatto sta che Cave ha abbandonato l’ approccio narrativo da cantautore tormentato, a favore di un frasario ben più libero, improvvisato e selvaggiamente erotico. A tratti sembra incarnare il personaggio da lui creato, quel tale che “beve piscio di pantera e scopa la donna che hai sposato”. Un satiro calvo e libidinoso, pronto a soddisfare la sua ninfa perversa, come ben testimoniano le parole di Worm Tamer (“La mia bambina è conosciuta come l’amazzone del mambo/Piango tempeste di lacrime fino al sorgere del sole/Sai, sono felice solo dentro di lei/immagino di averti amata troppo a lungo”).

In inglese il termine “grind” indica l’azione di affilare un oggetto tramite frizione o movimento rotatorio. Vi lascio immaginare cosa intendesse affilare Nick quando ha coniato il moniker. Se quest’uomo riuscirà a mantenersi vivo, sono sicuro che nei prossimi anni sarà in grado di sollazzarci ancora e ancora. Chapeau.

Grinderman su myspace

Federico Fragasso
Federico Fragasso
Federico Fragasso è giornalista free-lance, non-musicista, ascoltatore, spettatore, stratega obliquo, esegeta del rumore bianco

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Mariam The Believer – Bodylife: il bellissimo video di Ylva Henrikson

Uno dei più bei videoclip degli ultimi anni. Mariam Wallentin aka Mariam The Believer è tornata per promuovere il suo secondo album, "Love Everything" e lo fa con una danza che coinvolge anche l'aspetto più nascosto di una vita corporea. Pulsante ed emozionante, il video è diretto dalla svedese Ylva Henrikson

Q. Are We Not Men? A: We Are Devo! I videoclip della band di Akron: cicatrice punk

Usciva oggi 28 agosto 1978, il primo album dei DEVO. Ma l'esplorazione delle possibilità della videomusica, per Mothersbaugh e soci, erano precedenti. We are not man, we are video-DEVO

Maurizio Marsico: The Sunny Side of the Dark Side, la raccolta Spittle Records

The Sunny Side of the Dark Side, splendida raccolta Spittle Records dedicata al genio di Maurizio Marsico. Personaggio proteiforme, autore di colonne sonore, architetto sussurrante, sperimentatore ludico, Post e Neo-Modern, veni, video, vici e molto altro

Parola Vera ft. Inoki – Slang & Tattoo: il videoclip di CPDSGNJOINT

Slang & Tattoo, il nuovo singolo di Parola Vera e il video realizzato da CPDSGNJOINT. Brano autobiografico con il featuring di Inoki. I tatuaggi, segni e cicatrici di vita, costruiscono un dialogo con le tracce della suburbia diventando linguaggio adatto a raccontare la strada. Proprio con essa si stabilisce una continuità tangibile. 

††† (Crosses) – The Epilogue: il video di Raul Gonzo

Nuovo video per la band di Chino Moreno, il bellissimo "The Epilogue" girato da Raul Gonzo

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015