sabato, Settembre 26, 2020

Marta Sui Tubi – Sushi & Coca – (Tamburi Usati – Venus – 2008)

L’unica cosa che devi fare è massacrare le tue paure è la frase ripetuta nel ritornello di uno dei brani del nuovo disco dei Marta Sui Tubi. Il gruppo di origine siciliana si attiene completamente a questa affermazione e sfodera la sua migliore opera, lasciando spazio a un fiume di creatività ed originalità, senza i cali di tensione che caratterizzavano invece i dischi precedenti. Ci troviamo infatti davanti ad un’ottima prova sia dal punto di vista musicale, con strutture elaborate in bilico tra folk, rock, cantautorato e qualche apertura quasi jazzata, sia dei testi, con uno sguardo diretto ed ironico sulla società e i sentimenti.
Dopo la breve “Arco e sandali”, dal testo introspettivo su arpeggio di chitarra, il secondo brano è “Cinestetica”, contraddistinto da un ritmo nervoso, con stop and go e brevi inserti di piano. “La spesa” ha invece un andamento più rilassato, ma ad accompagnare un testo che affonda come una lama nella difficoltà dei rapporti nella società odierna. Praticamente geniale la seguente “Non lo sanno”, filastrocca cantata da bimbi, che lascia spazio ad un piano di memoria prog rock, incentrata sul parallelismo tra i lenti spostamenti dei continenti e le nostre vite. Altra perla dai risvolti “sociali” è “Dio come sta?”, con passaggi pianistici e cambi di ritmo, che ricordano gli Area, di supporto ad attimi di puro lirismo, analisi di ciò che ci circonda che sfocia nella ripetizione quasi sciamanica di La paura degli esseri umani è paura di essere umani. Si mantiene altissimo il livello dei testi, capaci di evocare immagini una più potente dell’altra, nella seguente “Lauto ritratto”, ballata di impianto classico, con piano e archi in evidenza, destinata a diventare un classico al pari di “Vecchi difetti”. Accelerazione con batteria drum’n’bass, sfuriate noise e testo reiterato ipnoticamente in “L’unica cosa”, già citata in apertura di recensione, seguita dal divertissement “Dominique (canzone di gelosia)”, in cui si gioca, oltre che col jazz, con muri di suono e growl metal. Si torna su ritmi meno sostenuti con “L’aria intorno”, ballata che è un piccolo capolavoro di scrittura, così come la successiva “Licantropo”. La title-track si muove su temi già cari agli Afterhours, cioè il rapporto tra Milano, droghe ed ipocrisia; la visione è più o meno la stessa, senza pietà per nessuno, un elenco di nefandezze che pare interminabile, tanto più che la coda del brano si protrae per un paio di minuti di rumorismo fino alla metafora finale (Milano è un’ape impaurita vestita di seta stracciata), che sembra cadere lì per caso, ma che riassume perfettamente le contraddizioni della metropoli lombarda. L’ultimo brano è un’altra bellissima ballata, “Pensieri a sonagli”, riflessione su amore, odio e incapacità di comunicare.
La sensazione al termine dell’ascolto di “Sushi & Coca” è quella che i Marta Sui Tubi siano giunti alla completa maturità e che questo possa essere il disco della loro definitiva ed incontestabile ascesa tra le migliori band del panorama italiano, grazie ad una capacità non indifferente di trattare la forma canzone, sia quando viene affrontata in modo più “classico”, sia quando si dà spazio alla sperimentazione.

Marta sui tubi su myspace

Fabio Pozzi
Fabio Pozzi
Fabio Pozzi, classe 1984, sopravvive alla Brianza velenosa rifugiandosi nella musica. Già che c'è inizia pure a scrivere di concerti e dischi, dapprima in solitaria nella blogosfera, poi approdando a Indie-Eye e su un paio di altri siti.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Smokepurpp, il videoclip di ‘Repeat’ diretto da Dir. Lx

Il mago degli effetti digitali Dir. Lx torna a collaborare con Smokepurpp e con l'art director Phoebe Darling

This is my hand – il video di My Brightest Diamond: un bellissimo rituale

Shara Worden parlava già ad agosto 2014 del video di This is My hand pubblicato due mesi fa da Asthmatic Kitty e rilanciato ieri dal suo profilo youtube in una nuova versione con tutti gli innesti partecipativi di una fandom trattata come speaking part attiva e viva. Non potevamo sottrarci a questa importante prassi rituale, perché è anche la nostra mano

Confidence Man – Better sit down boy: il nuovo video di Schall & Schnabel

Confidence Man tornano con il loro dancefloor pop, tribale e contagioso e con un nuovo video dissacrante diretto dal notevole duo berlinese Schall & Schnabel, recentemente ospiti su indie-eye con una lunga intervista

St. Vincent – Digital Witness: il video di Chino Moya

Il nuovo video di St. Vincent per il singolo "Digital Witness" è diretto dal geniale Chino Moya ed è un ennesimo viaggio nelle città impossibili, per l'autore di origini spagnole

Deerhoof: Flower, il video di Yuan Liu e Owen Donovan

Nuovo videoclip per i Deerhoof, "Flower", diretto da Yuan Liu e fotografato da Owen Donovan

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015