giovedì, Marzo 4, 2021

n Another Country di Hong Sang-soo – Cannes 65 – Concorso

Tre storie con i medesimi ingredienti in cui è introdotto un elemento di variazione. È il gioco filmico-letterario di “In Another Country” (“Da-Reun Na-Ra-E-Shu”), del koreano Hong Sang-soo, in Concorso per la Palma d’oro. Atmosfera da Nouvelle Vague, luce naturale, dialoghi ridotti ai minimi termini e trama essenziale, per una commedia lieve e vagamente surreale, animata dalla presenza di Isabelle Huppert, straniera piombata nella cittadina costiera di Mohang. La partecipazione stessa dell’attrice francese sembra di buon auspicio per quello che potrebbe rivelarsi, a oggi, il principale successo internazionale del cineasta di Seoul. La cornice: un studente di cinema lascia il paese natale con la madre per liberarsi dei debiti accumulati. Per placare la tensione, la donna comincia a scrivere una abbozzo di sceneggiatura, la cui protagonista è invariabilmente Anne, francese raffinata in fuga dalla vecchia Europa. I personaggi di contorno sono una coppia litigiosa e in attesa di un figlio, una vicina di casa timida, un bagnino perennemente sulle nuvole, una donna di mezza età e un monaco. Ma come si comporterà Isabelle Huppert? Nelle prove di sceneggiatura della donna, l’attrice francese è, in sequenza, una turista, un’innamorata che rincorre il suo amante koreano e una divorziata. Il cambio d’abito di Anne-Isabelle segna il passaggio da un tentativo all’altro. Sono i differenti umori di Anne a determinare il riconfigurarsi dello scenario circostante, i mutamenti nel carattere dei comprimari, alternativamente innamorati, gelosi o preoccupati. Divertissement impressionista che scorre veloce, “In Another Country” racconta in fondo ogni volta la medesima vicenda: una straniera di passaggio che, al di là dei tentativi, rimarrà sempre un outsider. Nel primo quadro Anne è una regista in carriera. La sicurezza che emana è sufficiente per fare innamorare il bagnino, che le dedica una buffa canzone, e il suo ospite, che si intuisce aver avuto con lei una breve liason. Secondo episodio: Anne è arrivata a Mohang per incontrare il suo amante, un uomo di successo con cui intrattiene una relazione clandestina. Coclusione: Anne è una donna infelice, abbandonata dal marito per una ragazza koreana. Medita su come ricominciare e interroga un monaco sul da farsi. Operetta aerea, che diverte senza lasciare grandi tracce.

Sofia Bonicalzi
Sofia Bonicalzi è nata a Milano nel 1987. Laureatasi in filosofia nel 2009 è da sempre grande appassionata di cinema e di letteratura. Dal 2010, in seguito alla partecipazione a workshop e seminari, collabora con alcune testate on line.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

ValdarnoCinema, Paolo Minuto è il nuovo direttore

Paolo Minuto è stato nominato Direttore Artistico della 39° edizione di ValdarnoCinema Film Festival storico evento dedicato al cinema indipendente che si tiene da 39 anni nella città di San Giovanni Valdarno (Ar).

My French Film Festival, grande successo con 13 milioni di views

Lo splendido Adolescentes di Sébastien Lifshitz vince il My French Film Festival. Grande successo per l'inziativa Unifrance con più di tredicimila visualizzazioni

Bruno Bozzetto, la rassegna online della Cineteca di Milano

Preziosa collaborazione tra la Bozzetto film e la Cineteca di Milano. Da domani fino al 24 di Febbraio, una rassegna del cinema d'animazione del grande Bruno Bozzetto. Tre lungometraggi, alcuni corti e un rarissimo documentario del 1961.

ECONTENT AWARD 2015