mercoledì, Ottobre 28, 2020

The Replacements: l’anti-video di Bastards of Young

Tim, il terzo album dei The Replacements, compie oggi 35 anni. Bastards of Young, l'anti-video ideato da Paul Westerberg e compari nel 1985, potrebbe ancora ferire

All day, all night, all music video / Seen your video, that phony rock ‘n’ roll / We don’t want to know, seen your video / Your phony rock ‘n’ roll / We don’t want to know / We don’t want to know / We don’t (The Replacements – Seen Your Video, 1984)

Le restrizioni che MTV imponeva hanno storicamente orientato alcune delle tendenze principali della videomusica lungo un intero ventennio, ma non sempre la censura e le indicazioni stilistiche venivano per nuocere. Su queste pagine ci siamo divertiti a scovare quei videoclip che sono riusciti a far breccia nel sistema, rilevando alcune a-ritmie. Tra chi stava fuori e chi al contrario rimaneva dentro l’heavy rotation, si verificava talvolta un punctum capace di cambiare un paradigma e di indicare, anche trasversalmente, nuove modalità per forzare il mezzo.

Quanto The Replacements firmano con una major per la pubblicazione del loro terzo album, la prassi di promuovere le nuove uscite con un video musicale, stigmatizzata a chiare lettere con uno dei brani del precedente “Let it be“, diventa un obbligo anche per loro. La Sire Records gli impone la rotazione su MTV per spingere “Tim” e Paul Westerberg accontenta la label a modo suo.

Il disprezzo per tutte le macchine del consenso mediatico, inclusi gli show televisivi dove manifesteranno un’irriducibile insofferenza, spinge la band a compiere un gesto provocatorio e a realizzare la clip per “Bastards of Young” in bianco e nero e con un solo piano sequenza.
Il woofer di un diffusore stereo è in primo piano, vibra insieme ad uno degli anthem più amari e disillusi tra quelli scritti dal gruppo di minneapolis. Mentre le liriche procedono raccontando la morte del rock’n’roll e il futuro già compromesso, preparato dalle generazioni precedenti, la camera allarga il campo e mostra alcuni dettagli di un ascoltatore, probabilmente lo stesso Westerberg, seduto sul divano, collocato di fronte all’impianto. Fuma, si agita ed infine si alza per assestare un calcio pieno di rabbia e risentimento alla cassa dello stereo.


Il calcio non concretizza semplicemente il senso di disperazione, solitudine e alienazione che anima le liriche del brano, ma si piazza al lato dello schermo, come se ad esser fatto a pezzi fosse un apparecchio televisivo. Il segnale della cassa distrutta si sente per gli ultimi secondi del brano. Fine delle trasmissioni.

Visto allora, nella programmazione consueta di MTV, può aver creato una breccia irripetibile e ghermito qualche cuore, difficile ricostruire esattamente l’evento in termini di ricezione del fenomeno. Indiscutibilmente rappresenta una formidabile distanza dal videoclip come genere “regolato” da precisi parametri di natura industriale, non solo per la violenta pedata, ma anche per la ricerca impossibile di un tempo specifico per l’ascolto.

Quel tempo viene definito dallo spazio visivo, nella cornice consentita dallo schermo 4:3. Ecco che la distruzione della cornice che lo delimita, è il rifiuto dell’arena televisiva tutta, nel suo riquadrare la musica e il rituale stesso dell’ascolto. Un gesto punk, certamente, ma nella misura in cui il gesto stesso non può esser contenuto da quell’inquadratura. Westerberg o chiunque sia, esce di campo e lascia dietro di se uno scenario di detriti e feedback.

Il Rock’n’roll è incontenibile e la frammentazione visuale a cui lo sottopone la videomusica del tempo è inaccettabile per The Replacements.

Un aspetto di cui non parla nessuno, nella celebrazione a posteriori di un video diventato “leggendario”, è l’operazione situazionista di cui faceva parte. Le clip erano in realtà tre ed insieme a “Bastards of Young” c’erano anche “Left of the Dial” e “Hold My Life“. Tutte girate nella stessa location, tutte parte di una stessa serie, con lo stesso ascoltatore e quell’idea di tempo anti-televisivo di cui parlavamo, pienamente compiuta. Mentre “Left on the dial” sembra far parte del solito take di “Bastards of Young”, senza il calcio liberatorio”, “Hold My Life” è interamente a colori e rappresenta una vera e propria variante dell’idea principale. Westerberg è in piedi e cerca tra i dischi, gettandoli alla rinfusa, in bella vista l’allora recente “Topsy Turvy” degli Young Fresh Fellows. Appena trova una copia di “Tim” la mette sul piatto, riproduce “Hold My Life” ed esce di campo. Rientra un minuto dopo, per sedersi sul solito divano, fino al momento in cui si distenderà, mettendosi definitivamente a dormire. La videomusica distrae oppure può essere fruita distrattamente, la musica al contrario riempie uno spazio di vita in modo totalizzante.


A distanza di 35 anni, nel pieno della frammentazione e specializzazione molecolare dei contenuti, la clip di “Bastards of Young” si può vedere su youtube. Riemersa a partire dal 2009 sul canale ufficiale della Sire Records, ha capitalizzato quasi due milioni di visite. Una seconda vita che non ha niente a che vedere con la prima, ma che sul tempo dell’ascolto e quello della rete, potrebbe ancora funzionare come una finestra di vitale ferocia, se solo decidessimo di aprirla per chiudere gli schermi.

On demand?

Michele Faggi
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. Si occupa da anni di formazione e content management. È un esperto di storia del videoclip ed è un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Ha pubblicato volumi su cinema e new media.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Luca Maris, “e tu mi basti” è il nuovo videoclip

Nuovo singolo e nuovo Videoclip per Luca Maris

Debora Petrina – il video di Princess realizzato da Roberto Battista

Il video di "Princess" realizzato da Roberto Battista per Debora Petrina con i disegni di Aya Nambu

Andrea Zanza Zingoni – Dirigibili e Rivoluzioni: il videoclip in anteprima

Andrea Zanza Zingoni, musicista toscano attivo sin dai primi anni novanta, dopo progetti come Hyenas, RitmeniaZoo e i più recenti NoN, produce la sua prima avventura solista. "Dormire Sonni Tranquilli", con distribuzione Audioglobe, è anticipato dal videoclip di "Dirigibili e Rivoluzioni". Lo presentiamo in anteprima su Indie-eye Videoclip, in attesa di poter parlare approfonditamente dell'album con un Podcast esclusivo. L'album sarà presentato il prossimo 7 giugno alle ore 18:30 a Firenze, con uno showcase presso la libreria "Il libraccio"

Evj Jane – Closer – il video di Strawberry Jacuzzi

Video di Strawberry Jacuzzi per il duo di Vancouver noto come Evj Jane

Giannini – L’estate è già finita – il videoclip di Enrico Acciani Al Verde

Il nuovo video di Giannini diretto dal musicista e regista pugliese Enrico Acciani Al Verde. L'estate è già finita: di una banalità sconcertante

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015