sabato, Settembre 26, 2020

Julia Kent – Character: la recensione

Con Character, prima uscita per la raffinata etichetta del West Yorkshire Leaf Label, Julia Kent torna a scolpire la sua ambient statuaria, qui più emotiva e densa che in passato. Gli ingredienti in questione sono quelli abituali: il suo violoncello, travolto dall’accumularsi di molteplici layers; una flebile elettronica e field recordings a dividersi pieni e vuoti. Con Delay (2007), ispirato alle atmosfere aeroportuali, e Green and Grey (2011), che tentava di cogliere i contrasti e le sovrapposizioni di mondo naturale e urbano, Julia trasponeva in musica modelli e ripetizioni esistenti in natura, privilegiando un’investigazione autoptica verso l’esterno.

Character, invece, punta a quella che lei definisce una “geografia interna”, in cui la narrazione è trainata da voci idealmente più personali, distinte. Già gli aeroporti di Delay (ce lo raccontava allora in un podcast esclusivo) non erano solo concepiti come non-luoghi, ma spazi fortemente emotivi, sedi di incontri e addii che Kent cercava di catturare con l’inserimento di suoni e rumori registrati dal vivo: anche qui, dispersi sotto la tessitura dei loop del violoncello, si nascondono fiammiferi, bicchieri di vetro, il rumore di una penna su carta, una vecchia autoharp scordata (riconoscibile nelle punteggiature di Flicker).

Alla tensione multiforme di episodi più corposi, orchestrali, quasi sempre accompagnati da sottotesti “percussivi”, pizzicati (la struggente Tourbillon, i saliscendi di Transportation, perfetta sintesi dell’arte di Julia), si alternano composizioni ossessive, come l’inquietante processione di Fall o l’agonizzante Kingdom. In quest’ultima il periodare degli “strappi” al violoncello viene accompagnato da una straziante eco, che suona come il campionamento di un coro d’opera scaraventato in un vortice. In Only Child le trame si avvicinano e allontanano a una pulsazione costante, ricreando un senso di isolamento pressoché letterale, una tragicità che viene controbilanciata dai sublimi intrecci del conclusivo passo a due Nina and Oscar.

Un autentico campionario di immagini e sensazioni all’insegna della libertà espressiva. A fianco delle decine di collaborazioni che la vedono da sempre coinvolta, Julia Kent si è ritagliata una discografia solista di straniante bellezza, alla ricerca di una libertà-nella-forma di cui Character è forse il capitolo sinora più stilisticamente personale e incisivo.

Giuseppe Zevolli
Giuseppe Zevolli
Nato a Bergamo, Giuseppe si trasferisce a Roma, dove inizia a scrivere di musica per Indie-Eye. Vive a Londra dove si divide tra giornalismo ed accademia.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Marinelli – T-Shirt. Il videoclip di Stefano Bazzano

Fotografo e art director bolognese, Stefano Bazzano dirige il nuovo video di Marinelli, T-Shirt

Barriera – la città mi fa terrore: il videoclip e l’intervista in esclusiva su indie-eye

Il motivo per cui chi scrive canzoni ha cominciato a girarsi anche i videoclip è per trovare uno spazio in cui poter continuare a raccontare. Sono parole di Barriera, al secolo Valerio Casanova, di cui presentiamo in esclusiva lancio "La città mi fa terrore", terzo capitolo di una trilogia che si conclude qui su Indie-eye con un'intervista al suo autore. Tra paura e desiderio, indie-eye continua ad ospitare le uniche contaminazioni urbane possibili, chi non se ne è accorto non ci legge con attenzione oppure è un fascista

Il video più bello del 2018 è del 1991

Nella temporalità orizzontale della rete senza più Storia, un video di quasi trent'anni fa si affianca agli elenchi di capodanno, già morti dal momento in cui vorrebbero stabilire un punto fermo, circoscritto da una cornice. Dal 1991, il video piú bello del 2018 ci chiede di ripensare ruoli e posizioni. The Answer, lo splendido brano di Garland Jeffreys e il bellissimo video di Kevin Godley. Buon anno.

Clarence Clarity – Those Who Can’t, Cheat: il videoclip di Malvin Mosaics

Clarence Clarity, Those Who Can’t, Cheat, il nuovo videoclip

Jacob Perlmutter & Diogo Strausz – “Palm the Quarter”, il videoclip: Londra ai tempi del Coronavirus

Tra avatar e libertà, coronavirus e spazi aperti. "Palm the Quarter", il singolo e il videoclip di Jacob Perlmutter

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015