sabato, Maggio 25, 2024

Essie Jain – Caffè Montegrappa (Firenze / 23-02-2009)

Essie Jain dal vivo riduce all’osso il suo songwriting, sostenuto solamente dalla presenza impalpabile della chitarra di Patrick Glynn; prima di attaccare Here We go si scusa e racconta il brano come un crescendo ricco di elementi che non potrà riprodurre, eppure l’essenza settecentesca e barocca della sua scrittura viene maggiormente fuori nella versione da camera; una voce capace di disegnare tracciati modali ricchi e allo stesso tempo soggetti all’ipnosi della ripetizione. Nella versione dal vivo, brani come The Rights abbandonano il peso degli arrangiamenti e si avvicinano al minimalismo ostinato di John Cale per perdersi in un canto popolare di derivazione arcaica. La bellissima Do It si sgancia da tutta l’elettricità stanca e malsana della versione da studio e si trasforma in un grido dal lirismo disperato; in alcuni passaggi si ha la sensazione che Essie possa fare a meno del piano e del buon Glynn, per affidarsi ad una voce magica, potente e colma di una gioiosa sofferenza. Splendida.

Essie Jain su myspace

Michele Faggi
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker, un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana e un Critico Cinematografico iscritto a SNCCI. Si occupa da anni di formazione e content management. È un esperto di storia del videoclip e del mondo Podcast, che ha affrontato in varie forme e format. Scrive anche di musica e colonne sonore. Ha pubblicato volumi su cinema e new media.

ARTICOLI SIMILI

GLOAM SESSION

spot_img

CINEMA UCRAINO

spot_img

INDIE-EYE SHOWREEL

spot_img

i più visti

VIDEOCLIP

INDIE-EYE SU YOUTUBE

spot_img

TOP NEWS

ECONTENT AWARD 2015

spot_img