giovedì, Giugno 13, 2024

Slaraffenland / Private Cinema

slaraffenland.jpgIl secondo Full lenght dei Danesi Slaraffenland esce tra circa una settimana per la Rumraket e viene distribuito in italia da Widerecords. Il nome della band significa qualcosa come “latte e miele” ma è decisamente lontano dall’universo sonoro del quintetto di Copenhagen. Private cinema è un’urticante esperimento a metà tra il riffing dei Sonic Youth che recuperano Kim Fowley e un tribalismo Jazz e contemporaneistico distillato da una versione brutale e rozza dei Boxhead Ensamble. L’elemento che sorprende è la capacità di mantenere frammenti di potenza e lusinghe di miele pop in un contesto che tende a dissolverli ora nei Can più brutali, ora in una versione tribale dei Village of Savoonga con quella tendenza a costruire un tappeto di fiati saturo e violento che ha sicuramente più di un riferimento con il jazz presemantico dei primi Animal Collective. In effetti l’esasperazione di un universo alieno fatto di rotture e riff disintegrati da satelliti corali al limite con una tradizione popolare difficilmente decriptabile, mostrano una via verso un folk legato a contesti ancestrali. La bellissima You Win, per esempio avanza con la minaccia di un drumming industriale e procede verso il baratro di un tribalismo infinito, fatto di interferenze e ossessioni spiraliformi, in un certo senso l’esatto contrario dei minimalismi insistiti e ricercati; quello che conta è la qualità performativa di Private Cinema, dove anche un brano apparentemente derivativo come rod, è in realtà una brutalizzazione delle sovrapposizioni alla Glenn Branca, completamente deprivate di quella chirurgia (a volte davvero estetica) che caratterizza le produzioni in odor di simmetria. Del resto, Ghosts, l’unico brano che potrebbe arrendersi alla salvezza nella forma di un Glig Glo fiabesco procede verso l’orrore di una marcia tribale, fatta di interferenze e difetti di sintonia. Alcuni samples in preascolto del nuovo lavoro di Slaraffenland si ascoltano dal profilo myspace della band.

Michele Faggi
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker, un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana e un Critico Cinematografico iscritto a SNCCI. Si occupa da anni di formazione e content management. È un esperto di storia del videoclip e del mondo Podcast, che ha affrontato in varie forme e format. Scrive anche di musica e colonne sonore. Ha pubblicato volumi su cinema e new media.

ARTICOLI SIMILI

GLOAM SESSION

spot_img

CINEMA UCRAINO

spot_img

INDIE-EYE SHOWREEL

spot_img

i più visti

VIDEOCLIP

INDIE-EYE SU YOUTUBE

spot_img

TOP NEWS

ECONTENT AWARD 2015

spot_img