lunedì, Settembre 28, 2020

Women – s/t (Jagjaguwar – Godfellas 2008)

Pubblicato per il solo mercato canadese su etichetta Flemish Eye il debutto di questo quartetto di Calgary esce i primi di ottobre per quello americano ed europeo grazie ad una ristampa quasi istantanea su Jagjaguwar; registra il tutto Chad VanGaalen, recentemente uscito con il controverso Soft Airplane, condividendo parte del suo sperimentalismo autoctono e visionario per mezzo di un equipaggiamento fatto di field recordings, ghetto blaster, riverberi naturali e casalinghi. Ci tengono quelli della Flemish Eye a tirar fuori i nomi di This Heat (per l’occasione, qui su REC in un approfondimento di Federico Fragasso) e The Zombies per definire il suono di Women; niente di sbagliato soprattutto nel modo in cui sferragliamento preindustriale e tribalismi assortiti intaccano un’anima garage che non se ne vuole andare. Dal vivo la band canadese allestisce un set capace di restituire dal punto di vista visivo la spazialità del loro suono; una specie di laboratorio rumorista ravvivato da una performance che guadagna forza mentre perde via via centralità senza abbandonare impatto comunicativo; un confine, quello tra minimalismo e rock’n’roll che qui si perde nei droni di Cameras, riacquisisce antiche identità in tracce come Black Rice, offre una versione sporcata e astratta dei King Crimson in Sag Harbor Bridge. La forma contratta dei brani, cosi breve da bruciare moltissimi spunti e intuizioni in uno spazio creativo per consuetudine ritenuto angusto, fa pensare alle prime cose dei Deerhoof per un approccio ugualmente ludico e vorace, è il caso della triade Group Transport hall, Shaking hand, Upstairs, tre brani apparentemente vicini al concetto di suite per come sono concepiti, e allo stesso tempo tre monadi taglienti, tre oggetti acuminati che cambiano traiettoria ad ogni ascolto. La forza di questo attacco sonico persiste nella violenza Punk tra forma e deriva, quel rito di passaggio che era sicuramente nell’esperienza di band come This Heat o nel gioco massacrante dei Pussy Galore di Dial M. For Motherfucker, macchina da guerra trainata dal drumming metallico e mostruoso di Bob Bert; le ultime due tracce dell’album condividono certamente questo universo incendiario ma con una propensione maggiore alla perdita del senso e alla contaminazione, un sistema ritmico che si spacca in mille pezzi e segue il tracciato di una Jam session o semplicemente di un infinite sound.

Roberto Ragionieri
Contatta Roberto Ragionieri per e-mail: roberto.ragionieri@gmail.com Roberto Ragionieri è fermo ai '90. Altro non è dato sapere/// Roberto Ragionieri su Facebook

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Nina Nastasia, Cry, Cry Baby; il video

Il video di cry, cry baby, estratto dall'ultimo bellissimo lavoro di Nina Nastasia

The Morning Benders, promises

Aaron Brown e Ben Chappell dirigono il video di Promises, l'ultimo uscito cronologicamente da The Morning Benders, assolutamente da vedere

Hermetic Delight il video di Void in esclusiva su indie-eye

Void è la nuova traccia inedita dei francesi Hermetic Delight registrata dal vivo al Hall des Chars di Strasbugo. Indie-eye presenta il videoclip in esclusiva

Dope Body, Weird Mirror, il nuovo video: premiere Italiana su indie-eye.it

Nuovo video per i Dope Body tratto dal loro recente e devastante Natural History

Adele H – Dogmas: il video di Livio Fornoni

Livio Fornoni è un regista davvero proteiforme. Non ha paura di niente, sopratutto di osare. Dogmas, il nuovo video realizzato per Adele H. è semplicemente lo "stato dell'arte" in un momento di convergenza di forme e formati

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015