giovedì, Ottobre 1, 2020

Zola Jesus – Stridulum II (Souterrain Transmissions, 2010)

Animale curioso Zola Jesus. Nell’arco di un paio d’anni si è costruita una reputazione all’interno dei circuiti underground, dove è ormai la reginetta del goth-revival. Le sue composizioni a base di tastiere e drum machine si sono da subito imposte grazie a melodie dream pop cariche di pathos: brani solenni ma provvisti di un notevole appeal commerciale, fino a questo momento velato da una patina abrasiva e lo-fi. Scelta artistica consapevole o espediente necessario a mascherare le insicurezze dettate dalla giovane età? Poco importa, perché con Stridulum II – edizione europea dell’EP Stridulum, pubblicato lo scorso marzo, che comprende tre brani aggiuntivi – Nika Roza Danilova supera le proprie reticenze e si affida ad una produzione pulita e levigata. Ed è qui che le cose si fanno davvero interessanti. Spogliate dalle distorsioni e dai riverberi, le canzoni poggiano esclusivamente sulla bellezza delle armonie strumentali e vocali, mostrando una curiosa convergenza di elementi mutuati dalla tradizione goth con altri più propriamente mainstream. È innegabile l’influenza di Siouxsie negli episodi più funerei, come Trust me o Run Me Out, mentre un candore virginale alla Jarboe traspare da I Can’t Stand. Altrove però sembra proprio di ascoltare la Cindy Lauper più malinconica e il singolo Night, nella sua ricerca di una formula sophisti-pop/dark, rimanda più agli Everything But The Girl di Missing che ai Portishead. Riferimenti anni ‘80 e ’90, che peraltro affollano anche l’immaginario visivo dell’oscuro videoclip omonimo. I brani presumibilmente più recenti sfoggiano invece una vocalità tinta di soul, che porta a paragoni davvero imprevedibili: per quanto azzardato possa sembrare, Manifest Destiny o Tower mi hanno fatto pensare ad una sorta di Cristina Aguillera in salsa industrial. E Sea Talk potrebbe semplicemente essere la risposta alla domanda: “cosa sarebbe successo se i membri superstiti dei Joy Division avessero affidato una cover di Atmosphere alla Rihanna più wave?”. Una produzione accurata e una voce allenata ad un training classico – e dunque “bella”, secondo criteri universalmente accettabili – possono davvero fare miracoli. Zola Jesus ha ormai le carte in regola per compiere il passo definitivo verso il pop tout-court, sfidando le dive del momento sul loro stesso terreno. Probabilmente senza nemmeno dover esibire culo e tette. Un gusto notevole a livello compositivo le fornisce indubbiamente credibilità artistica. D’altra parte, melodie a presa rapida e testi intrisi di spleen potrebbero, a ragione, renderla una beniamina per gli adolescenti depressi di tutto il mondo. Obbiettivo che si è posto anche un gruppo di buzzurri rockettari come gli Evanescence, dimostrando però una palese e drammatica carenza di talento. Nika ha invece le potenzialità per piacere tanto a me quanto – ne sono certo – alla ragazzina che ancora si bagna per il vampiro sbarbatello di Tuailàit. Tutto ciò presuppone dinamiche che al momento ho una certa difficoltà a interpretare, ma sicuramente rivela anche grande talento.

Zola Jesus su myspace

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=vM8fEP8FOqE&feature=related[/youtube]

Federico Fragasso
Federico Fragasso
Federico Fragasso è giornalista free-lance, non-musicista, ascoltatore, spettatore, stratega obliquo, esegeta del rumore bianco

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Einar Stray orchestra, il nuovo video: Politricks

Nuovo video per Einar Stray Orchestra

Steve Lippman, l’incontro vitale tra musica e filmmaking: l’intervista

Un'approfondita ed esaustiva conversazione con il regista newyorchese Steve Lippman dedicata ai suoi cortometraggi musicali. Abbiamo parlato delle collaborazioni con artisti come Laurie Anderson, Jorge Drexler, Rosanne Cash, Bette Midler, Esperanza Spalding, Valerie June e molti altri. Uno sguardo vitale sull'incontro tra la musica e l'arte di fare film

Il video più bello del 2018 è del 1991

Nella temporalità orizzontale della rete senza più Storia, un video di quasi trent'anni fa si affianca agli elenchi di capodanno, già morti dal momento in cui vorrebbero stabilire un punto fermo, circoscritto da una cornice. Dal 1991, il video piú bello del 2018 ci chiede di ripensare ruoli e posizioni. The Answer, lo splendido brano di Garland Jeffreys e il bellissimo video di Kevin Godley. Buon anno.

Crazy Heart, il video di Scott McFarnon contro il traffico sessuale negli Stati Uniti

Scott McFarnon contro il traffico sessuale negli U.S.A.

Tom Misch ft. Loyle Carner – Water Baby – il videoclip diretto da Georgia Hudson

Georgia Hudson, straordinaria regista di videoclip, gira per Tom Misch e lo filma mentre canta "sepolto" sotto la lastra di ghiaccio di un lago ucraino. Uno dei video più belli del mese

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015