martedì, Gennaio 31, 2023

Before the Day is Done, The Story of Folk Heritage Records – 1968-75

La Heritage Records fu fondata da Alan Green nel 1968. Incideva dischi di musica folk attingendo dai talenti che circolavano nei club del paese. Materiale oscuro, esoterico, inaccessibile e rarissimo prodotto tra il 1968 e il 1975 che Cherry Red raccoglie nel nuovo, imperdibile cofanetto con marchio Grapefruit. Approfondimento e pre-ascolto con il nostro video unboxing

Cherry Red Records pubblica uno dei cofanetti più succulenti tra quelli curati dalla benemerita label britannica. Un’incursione esaustiva nel folk inglese più “esoterico” e oscuro tra il 1968 e il 1975.

Oscuro perché virtualmente sconosciuto e inaccessibile. Mentre artisti come Fairport Convention, Steeleye Span, Lindisfarne e Strawbs portavano fuori dal circuito più intimo i suoni della musica folk, l’attività dei piccoli club continuava a produrre e a crescere, tanto che a metà dei sessanta si contavano circa 300 locali dediti alla diffusione del genere in tutta l’Inghilterra.

Una rete che rimane intatta soprattutto a nord-ovest, dove il riposizionamento in odor di controcultura con i club che diventano Arts Lab, risultava più arduo e difficile.

In questo contesto nasce l’etichetta Heritage, fondata da Alan Green nel 1968, ex chimico che aveva acquisito un equipaggiamento audio dismesso dalla BBC per allestire uno studio di registrazione e post produzione nella sua casa vicino Manchester.

Da questo momento la Heritage incide e pubblica artisti legati al circuito dei folk Club, con una tiratura limitatissima, che solo in pochissimi casi supera le cifre a due zeri.

L’approccio é quello DIY con gli artisti che si appropriano di metà tiratura per vendere i dischi ai concerti.

La raccolta Cherry Red, pubblicata per la divisione Grapefruit, include tre CD e un booklet storico indispensabile.

I brani complessivi sono 68, e si riferiscono a discografie irreperibili, se non in rarissimi casi e per cifre inarrivabili. Artisti notevoli che niente hanno da invidiare a nomi come Gerry Rafferty, Barbara Dickson e Alan Hull, ovvero quei nomi che sono emersi durante quegli anni, dagli stessi circuiti regionali.

Nel nostro video unboxing di ben 10 minuti, proponiamo un pre-ascolto di una decina di brani, utili a farsi un’idea di questo preziosissimo cofanetto. Vi ricordiamo che il box è il terzo di una serie pubblicata sempre con marchio Grapefruit, dedicata al folk britannico underground. I due titoli precedenti erano ‘Dust On The Nettles’ e ‘Sumer Is Icumen In’.

Per la tracklist completa: Before the Day is done sul sito Cherry Red.

Redazione IE
Redazione IE
Per contattare la redazione di Indie-eye scrivi a info@indie-eye.it || per l'invio di comunicati stampa devi scrivere a cs@indie-eye.it

ARTICOLI SIMILI

Voto

IN SINTESI

La Heritage Records fu fondata da Alan Green nel 1968. Incideva dischi di musica folk attingendo dai talenti che circolavano nei club del paese. Materiale oscuro, esoterico, inaccessibile e rarissimo prodotto tra il 1968 e il 1975 che Cherry Red raccoglie nel nuovo, imperdibile cofanetto con marchio Grapefruit. Approfondimento e pre-ascolto con il nostro video unboxing

GLOAM SESSION

spot_img

CINEMA UCRAINO

spot_img

INDIE-EYE SHOWREEL

spot_img

i più visti

VIDEOCLIP

INDIE-EYE SU YOUTUBE

spot_img

TOP NEWS

ECONTENT AWARD 2015

spot_img
La Heritage Records fu fondata da Alan Green nel 1968. Incideva dischi di musica folk attingendo dai talenti che circolavano nei club del paese. Materiale oscuro, esoterico, inaccessibile e rarissimo prodotto tra il 1968 e il 1975 che Cherry Red raccoglie nel nuovo, imperdibile cofanetto con marchio Grapefruit. Approfondimento e pre-ascolto con il nostro video unboxingBefore the Day is Done, The Story of Folk Heritage Records - 1968-75