domenica, Maggio 22, 2022

Bona Head – The Path (autoprodotto, 2012)

Bona Head il nome, Roberto Bonazzoli l’identità in solitaria rispetto al gruppo di provenienza SHW, lungo e pensoso il cammino che si è scelto di tradurre in musica con questo suo secondo episodio sulla lunga distanza. 15 tracce eteree e aggressive, manipolate in modo tale da esaltare gli effetti sonori delle tastiere pur avendo una base ritmica classica. Nella prima parte del disco i synth riescono in ogni capitolo del viaggio a imprimersi su frequenze medie, lasciando quindi alla voce di Bona Head il compito di marcare sui bassi. La fiamma degli anni ’90 riparte anche da queste sonorità: suoni puliti, melodie chiare, pop come punto di partenza e non di arrivo. La chitarra acustica debutta propriamente in Way Out, e completa con il piano di Corner un momento alla Pablo Honey (o forse gli ultimi R.E.M. di Around the Sun). In Holes and Snares la batteria campionata fa pensare ai cugini iberici Foxholes come pure la seguente accorata Chasm. Da qui la china discendente riporta a svegliarsi dal sogno eter(e/n)o con le sirene di Reassuring Plains e da qui fino alla fine. Tutte queste tracce sono troppe, ma potrebbero far piacere a quelli che si ritrovano negli amarcord dei 90’s come se fosse passato un’eternità e di questa musica non se ne potesse più trovare al mondo.

[box title=”Bona Head – The Path (autoprodotto, 2012)” color=”#5C0820″]

Bona Head in rete

Incipi | R.E.M. | The Path | Unreal Wood | Way Out | Corner | Holes And Snares | Chasm | Dead Zone | Return To The Path | Reassuring Plains | Relax | Call | Mystic Mountain | The Perfection (Epilogue) [/box]

Elia Billero
Elia Billero
Elia Billero vive vicino Pisa, è laureato in Scienze Politiche (indirizzo Comunicazione Media e Giornalismo), scrive di dischi e concerti per Indie-eye e gestisce altri siti.

ARTICOLI SIMILI

CINEMA UCRAINO

spot_img

INDIE-EYE SHOWREEL

spot_img

i più visti

VIDEOCLIP

INDIE-EYE SU YOUTUBE

spot_img

TOP NEWS

ECONTENT AWARD 2015

spot_img