domenica, Settembre 27, 2020

Josephine Foster & The Victor Herrero Band – Anda Jaleo: la recensione

Una delle peculiarità del percorso artistico di Josephine Foster è la fascinazione per i punti d’incontro tra letteratura e musica. Dopo la perla nera del 2006 A Wolf in Sheep’s Clothing, in cui reinterpretava capolavori letterari e musicali d’epoca romantica di Wolf, Goethe, Eichendorff, Schubert e Brahms, il disco del 2009 Graphic As A Star ha visto la cantante e polistrumentista del Colorado cimentarsi con la poesia di Emily Dickinson, riscoperta e rivitalizzata in solitudine con il solo accompagnamento di chitarra e armonica, nella cornice naturalistica da profondo Sud spagnolo di Mecina Bombarón. Il 2010 vede Josephine al lavoro con la band del compagno Victor Herrero, con il quale già nello scorso tour ha presentato in anteprima, in coda ai suoi concerti, alcuni brani del nuovo Anda Jaleo, registrato dal vivo nella Grenadine Sierra.

Il disco reinterpreta la raccolta di canzoni popolari di Federico Garcia Lorca Las Canciones Populares Españolas, sottoposte a censura durante il periodo della dittatura franchista. La selezione dei pezzi è calzata sulla Colección  de Canciones Populares Españolas, incisa nel 1931 con Lorca al pia
noforte e la voce della ballerina e coreografa Encarnación López Júlvez , detta La Argentinita, registrazione riesumata nel 2006 dall’etichetta indipendente spagnola Sonifolk. Anda Jaleo conferma l’orizzonte d’attesa dell’ascoltatore: l’esecuzione impeccabile della band e la strumentazione a base di chitarre acustiche, nacchere, passi di flamenco e hand-clapping, puntano a una resa fedele e appassionata, come i generi tradizionali e gli stili (flamenco, bulerias e cante jondo su tutti) che a quelle canzoni hanno dato vita.

Il piano di Lorca viene sostituito in blocco dalle chitarre, mentre la voce sublime di Josephine, con il suo timbro riconoscibile su un milione, non rischia di scendere in secondo piano neanche in questo recupero “filologico” della tradizione; viene anzi modulata di canzone in canzone in maniera sorprendente. Los Cuatro Muleros e Las Tres Hojas ne sono un ottimo esempio. In Anda Jaleo Victor e Josephine duettano in perfetta sintonia, restituendo il piglio deciso e combattivo dell’originale. Se il disco in sé può essere letto come una via di mezzo tra un tributo e un esperimento stilistico, chi apprezza i lavori folk più minimal di Jospehine (Hazel Eyes, I Will Lead You ad esempio), troverà refrigerio nell’atmosfera sospesa di Los Reyes de la Baraja o nel brano a cappella Nana de Sevilla, che, spogliata del pianoforte dimesso dell’originale, conclude il disco riportando ai vocalizzi soffusi di Graphic As a Star.

Sarebbe comunque un torto all’impresa cercare di percepire l’eco del folk anglosassone cui sono abituate le nostre orecchie: le canzoni di Lorca sono estremamente radicate nel territorio, parlano di vagabondi, orfani, ragazzi morti nella sfida col toro, ma anche momenti di festa collettiva come in Sevillanas del Siglo XVIII. La sua attenzione alla testimonianza diretta lo rende forse il primo etnomusicologo del paese; suo primo obiettivo era far rivivere le atmosfere gitane e popolari, senza mistificarle o ingabbiarle nell’ansia per la notazione musicale, ma mediante armonizzazioni semplici, capaci di cogliere la purezza delle melodie. Anda Jaleo non può certo mettersi a confronto con tutto questo, né di certo competere con le rappresentazioni di flamenco tradizionali andaluse. Si riconosce comunque a Josephine e alla band di Victor la dedizione per la ricerca musicale e la partecipazione affezionata della loro esecuzione. Restiamo in attesa della prossima esplorazione.

Giuseppe Zevolli
Giuseppe Zevolli
Nato a Bergamo, Giuseppe si trasferisce a Roma, dove inizia a scrivere di musica per Indie-Eye. Vive a Londra dove si divide tra giornalismo ed accademia.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

††† (Crosses) – The Epilogue: il video di Raul Gonzo

Nuovo video per la band di Chino Moreno, il bellissimo "The Epilogue" girato da Raul Gonzo

a-ritmie del tempo: I Videoclip e il tempo nell’immagine

Come mai il 90 per cento dei video indipendenti italiani sembrano dei brutti incubi mainstream di trent'anni fa, con "scemi che si muovono" ?

Videoclip: Let forever be, spazio mentale o digitale?

Spazio ottico, spazio digitale: Busby Berkeley, Michel Gondry, Heaven 17.

Ellie Goulding – il video di Goodness Gracious diretto da Kinga Burza

Splendido nuovo video per Kinga Burza, una delle videomaker più importanti degli ultimi dieci anni; Goodness Gracious per Ellie Goulding è video-pittura in movimento.

Ferraniacolor – Illustrated ABC / Alfabeto Illustrato: il videoclip di Giacomo Fabbrocino

Giacomo Fabbrocino, fondatore della scuola Pigrecoemme, montatore, colorist e regista, dirige "Alfabeto Illustrato", il videoclip per i Ferraniacolor, ovvero il nuovo progetto dei napoletani Marco Alfano e Luca Zarrilli, due nomi storici della new wave italiana.

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015