martedì, Dicembre 1, 2020
Home etichette firerecords

firerecords

Surf City – Jekyll island: la recensione

I neozelandesi Surf City tornano con il loro album più pop, sempre sotto il segno di una combinazione alchemica tra psichedelia anni sessanta e noise rock anni novanta; più intensi che nostalgici, per mettere insieme i brani di Jekyll Island, la più selvaggia tra le golden isles della Georgia, hanno viaggiato tra gli States e l'India, regalandoci un travelogue elettrico e coinvolgente.

Virginia Wing – Measures of Joy: la recensione

Ottimo debutto quello dei Viriginia Wing, trio londinese pubblicato da Fire records che con Measures of Joy realizzano uno strano mostro tra pop e sperimentazione

Noveller – Fantastic Planet: la recensione

Sarah Lipstate torna con un nuovo album strumentale, il primo della chitarrista americana ad esser pubblicato da Fire Records. Fantastic Planet ci porta a ripensare le nostre abitudini percettive, in un viaggio intradimensionale tra terra e cosmo

The Saints: l’intervista esclusiva in attesa del concerto di Torino

Nell’attesa di vederlo in azione in Italia nei prossimi giorni, abbiamo contattato Chris Bailey, anima dei Saints, per parlare un po’ delle date in arrivo, della riedizione di King Of The Sun e di molto altro…

Wooden Wand – Farmer’s Corner: la recensione

James Jackson Toth sceglie di proseguire con il moniker di Wooden Wand per il nuovo album, Farmer's Corner è un disco che sa di campagna, vecchio blues e rock classico, immagine di un wild west non troppo feroce

Surf City – We Knew It Was Not Going To Be Like This

Secondo notevole album per i Neo Zelandesi Surf City

Josephine Foster: l’intervista, molte vite in una sola

Giuseppe Zevolli incontra Josephine Foster a Leeds in esclusiva per indie-eye.it prima del suo concerto al Wharf Chambers; questa è l'intervista...

Josephine Foster – Blood Rushing: la recensione

Questo nuovo capitolo della carriera discografica di Josephine foster è forse piú dei precedenti immediato, godibile e sincero nel suo tentativo di raffigurare una pletora di sentimenti personali, umani e condivisi.

Bobby Conn – Macaroni: la recensione

Bobby Conn con i suoi Burglers mette su un freak show altalenante, che scuote l’apatia hipster e i facili sentimenti, che si presenta facile facile come un piatto di macaroni cheese, ma imprevedibile al momento giusto

Josephine Foster & The Victor Herrero Band – Perlas: la recensione

Per la prima volta nella sua camaleontica carriera Josephine Foster torna a esplorare gli stessi territori, proponendo un vero e proprio sequel di Anda Jaleo

Cardinal – Hymns: la recensione

È un album che possiede il merito di unire mondi solo all'apparenza notevolmente distanti il nuovo dei Cardinals, la recensione di Denis Prinzio...

Guided By Voices – Let’s Go Eat The Factory: recensione

Basta, non bisogna più fidarsi delle reunion. È inutile, non ve ne è mai stata una che abbia funzionato, per quanto uno si sforzi di ricordare. Non fa eccezione quella dei Guided By Voices, la recensione di Let's Go Eat The Factory di Denis Prinzio...

videoclip news

Becky Hill – Space: il video sull’isolamento diretto da Carly Cussen

Space, prima ancora di un'elegia visuale sul distanziamento sociale è anche una piccola metanarrazione sulle condizioni di un set, ridotto a scheletro vuoto, teatro sfondato senza più la capacità di riempire di senso corpi e spazio con la forza unificatrice del green screen. La distanza ci rende più "reali"?

Millie Turner – Eye Of The Storm: il videoclip di Hannah Berry George

Il corpo è un sensore ancora attivo nell'era della smaterializzazione. Anche se ricombinato in uno spazio digitale, non vuole morire. Il video di Hannah Berry George per Millie Turner: Eye Of The Storm

TV Priest – Decoration: il videoclip di Joe Wheatley

I TV Priest firmano con SUB POP e realizzano il secondo singolo dal loro imminente debutto, veicolandolo con un video diretto da Joe Wheatley

Kevin Godley – Expecting a Message: l’urlo, il corpo e il network

Kevin Godley torna con uno straordinario video che ancora una volta, come negli anni novanta, anticipa il nostro modo di vedere. Uno dei video più belli dell'anno