giovedì, Luglio 18, 2024

La prima estate, tra festival musicale e vacanza: tutto sull’edizione 2023

La Prima Estate giunge alla seconda edizione e lo fa con una formula unica che combina eventi di musica dal vivo con una vacanza marittima in piena regola e una serie di esperienze legate al territorio versiliese. La line-up dei due week-end di Giugno durante i quali si svolgerà il festival presso il Parco la BussolaDomani di Lido di Camaiore è quasi completa, ed è all'insegna dell'alternative rock, del pop-folk, del funk-groove più sfrenato, del rap e della trap, con headliner come Jamiroquai, Bicep, Alt-J, Nas, Bon Iver, Metro Boomin e con nomi come Just Mustard, Studio Murena, Guinevere. Nel nostro approfondimento sul festival ideato dalla D'Alessandro e Galli, vi parliamo dell'intero programma, artista dopo artista e vi consigliamo pacchetti e biglietti da acquistare

Il concept creato dalla D’Alessandro e Galli torna per una seconda edizione già ricca di ospiti e novità. Inaugurato nel 2022, La prima estate è molto più di un festival musicale, perché crea una connessione vitale tra i concerti, gli eventi e i dj-set, attraverso una rete di eventi collaterali che consentono di dare impulso alle attività del territorio.
Lo scenario è quello suggestivo della Versilia, nel Parco BussolaDomani del Lido di Camaiore a soli 50 metri dal mare, dove per due week end consecutivi, il 16/17/18 Giugno e il 23/24/25 giugno, si avvicenderanno sul palco quattro artisti al giorno, per una giornata espansa dedicata ai nuovi suoni da tutto il mondo.

La line up di quest’anno è ricchissima, e comprende generi e tendenze diverse del panorama internazionale con una serie di serate che sono concepite in modo organico, per mettere insieme sonorità alternative, rap, funk, trap, pop-folk.

Tra i nomi già annunciati, assolutamente da non perdere il noise rock innovativo dei Just Mustard, band irlandese amatissima da Robert Smith e in promozione con il secondo album “Heart Under” pubblicato sull’etichetta dei conterranei Fountains D.C. ovvero la Partisan Records. Abbiamo parlato della loro musica approfonditamente con un articolo qui su indie-eye videoclip, e agevliamo un contributo video-live recente, per anticipare la qualità di un suono sospeso tra neopsichedelia, lo shoegaze dei My Bloody Valentine e una propensione noise-industrial oscura, onirica e potente. Il combo, guidato dalla voce narcolettica di Katie Ball, ha definito ironicamente la propria musica “Trip Trap“.

Just Mustard live: I am you

L’alternative rock del 23 giugno a La Prima Estate 2023

I Just Mustard suoneranno a La prima estate il 23 di giugno 2023 e la line up per quel giorno vede come headliner gli ALT-J, la band di Leeds formatasi nel 2007, in promozione con il quarto album intitolato The Dream e che continua nella particolare combinazione tra folk alternativo ed elettronica, a cinque anni di distanza dal precedente Relaxer con cui avevano ottenuto il Mercury Prize.

Nicholas James Murphy meglio conosciuto come Chet Faker è un altro nome importante della giornata. L’ultimo album realizzato dal musicista australiano si intitola Hotel Surrender, e ha segnato il ritorno all’utilizzo del vecchio moniker che caratterizzava l’inizio della sua carriera. Le scelte sonore sono invece decisamente più melodiche rispetto alle contaminazioni tra elettronica e pop degli esordi.

Straordinari Domi & JD Beck ad arricchire la proposta del 23, con la loro Jazz fusion atipica. Costituito dalla tastierista francese Domi Louna e dal batterista americano JD Beck, il duo ha debuttato nel 2022 con l’album Not Tight, mettendo insieme moltissimi stimoli sonori che passano dall’hip hop e il soul di Anderson .Paak, ma anche il Jazz più ibridato di Herbie Hancock, influenza esplicitamente dichiarata.

Dal vivo sono una certezza:

DOMI & JD Beck dal vivo @ Vevostudio

Il rap del 16 giugno a La Prima estate 2023

Già complete le line up per quasi tutti i giorni del festival, con la prima giornata del 16 giugno che include NAS, al secolo Nasir bin Olu Dara Jones, rapper americano di lunghissimo corso, tra i più grandi del panorama internazionale e con sedici album all’attivo, l’ultimo dei quali prosegue la saga King’s Disease giunta al terzo capitolo e prodotta integralmente da Hit-Boy. Propone ancora un mix letale tra rap old school e nuove intuizioni, mantenendo una forza invariata. L’ultimo video pubblicato dal nostro si intitola 30 e lo agevoliamo qui sotto

Nas, il video di 30

Rap tutto italiano quello di Geolier, pseudonimo di Emanuele Palumbo con all’attivo due album, il secondo dei quali uscito quest’anno e intitolato Il coraggio dei Bambini. Il suo è un racconto sincero e diretto della suburbia provinciale, all’ombra delle storie che parlano di crimine, le speranze tradite, e la morfologia di tutto quel rock campano che viene concepito a contatto diretto con la strada, attraverso un metissage di culture che sconfinano nella tradizione popolare, percorrono le esperienze street e mettono insieme melodia e crudezza.

Rimaniamo in Italia e sempre nell’ambito rap con Noyz Narcos, cresciuto a Roma nel quartiere Monte Sacro, nome fondamentale dell’hip hop nostrano e con otto full lenght all’attivo, tra cui l’ultimo intitolato Virus, pubblicato appena un anno fa. Crudo, feroce mantiene un piede nella forza del primo hip hop, guardando ai suoni del futuro. Per chi volesse approfondire, sarà bene ricordare che la promozione dell’album è stata affiancata dal documentario “Dope Boys Alphabet“, disponibile su Amazon Prime, racconto di una carriera cominciata nei lontani anni novanta con le crew di TBF e dei Savage Boys.

Davide Bassi, meglio conosciuto come Bassi Maestro, rapper, beatmaker e producer con più di quindici dischi solisti prodotti, allieterà con il suo imperdibile Set, a chiusura di una giornata interamente dedicata alla musica rap.

il folk-pop del 17 giugno a La prima Estate 2023

Headliner del 17 giugno il folk-pop di Bon Iver, al secolo Justin Vernon, artista che non ha bisogno di presentazioni e che negli ultimi anni ha partecipato anche agli album di Taylor Swift. Sul palco, oltre ai suoi successi, porterà i brani del suo ultimo album, I, I, pubblicato da Jagjaguwar nel 2019.
Insieme a lui ci saranno una serie di artisti molto in linea con quei suoni, a partire dai veterani King of Convenience, al quarto album con Peace or love, preceduto dai singoli “Rocky Trail” e “Fever” e che include un paio di episodi registrati con Feist.

Japanese Breakfast è il terzo nome del 17 di giugno. La band guidata dall’artista di origini coreane Michelle Zauner ha all’attivo un notevole numero di ep autoprodotti e tre album da studio pubblicati per l’etichetta statunitense Dead Oceans tra il 2016 e il 2021. L’ultimo di questi si chiama Jubilee e sintetizza tutte le intuizioni poptroniche che hanno caratterizzato i suoni indipendenti degli anni dieci del nuovo secolo. Una ventata di neopsichedelia elettrica che recupera i suoni degli anni novanta, dipinge questo episodio con colori più forti del solito. Tra i video che promuovono il disco, il bellissimo “Posing in bondage” diretto dalla stessa Zauner, corpo alieno in mezzo ai paesaggi notturni del mercato globale

Japanese Breakfast, Posing in Bondage, il videoclip diretto dall’artista di origini coreane

Chiude la giornata del 17 giugno de La prima estate l’unico nome italiano della lineup, la milanese Guinevere che nel 2022 ha debuttato per La tempesta dischi con il singolo prodotto da Matteo Pavesi. In quell’episodio, Ginevra Battaglia ha mostrato maturità nel combinare i modi e la scrittura del folk anglofono tra i sessanta e i settanta, accogliendo elementi più contemporanei nella tessitura. Figlia di artisti, sospesa tra il culto della fotografia e quello per il Jazz, ha da pochissimo pubblicato un primo EP completo intitolato Running in Circles, sempre per La Tempesta con distribuzione digitale Believe; sei tracce che confermano le belle impressioni di “Setting of the sun“, il primo brano pubblicato come Guinevere, di cui esiste anche un bel videoclip diretto insieme a Dana Tescari e sospeso tra sogno e arti performative. Quasi otto minuti di suoni e sovrimpressioni acquatiche, per un brano che spazia dal songwriting del folk britannico dei settanta, fino a lambire la psichedelia di San Francisco, le venature londinesi più pop, il progressive folk, quello visionario di artiste come Buffy Sainte Marie, la primissima Dana Gillespie, le Mellow Candle, Bonnie Dobson e Lesley Duncan per rimanere ancorati ad una linea femminile centrale nel lavoro sincretico della Battaglia, tra passato e futuro.

Guinevere, Settting of the sun, il videoclip ufficiale

Il dancefloor del 18 giugno a La Prima Estate 2023

La giornata del 18 giugno vedrà come headliner BICEP, duo di dj da Belfast al secolo Andrew Ferguson e Matthew McBriar. Due album per la storica e seminale Ninja Tunes, ma soprattutto un’attività live portentosa, documentata al suo apice da Resident Advisor. Uno stile il loro, marcatamente destinato alla pista da ballo, ma che riesce ad unire groove a modalità più meditative dell’elettronica. Questo fa presagire una giornata interamente dedicata a queste suggestioni, ancora to be announced

Il groove funk del 24 giugno a La Prima Estate 2023

Come la giornata del 23, di cui abbiamo parlato all’inizio dell’articolo, anche quella del 24 è completa, con il grande Jamiroquai a fare da headliner per proporre l’inconfondibile marchio di fabbrica tra funk, pop e acid jazz, che attraverserà i suoi maggiori successi fino ad Automaton del 2017, ottavo album di un’ormai lunga carriera. E il suono di Jamiroquai imposta un po’ tutta la giornata del 24 giugno a La Prima Estate.

Ci sono anche i Nu Genea live band, due napoletani residenti a Berlino, precedentemente noti con il moniker di Nu Guinea, con il quale hanno pubblicato due album intitolati rispettivamente The Tony Allen Experiments, realizzato insieme al batterista di Fela Kuti e Nuova Napoli, pubblicato nel 2018 e che a partire dalle suggestioni funk e afro-beat, recuperava la storia della musica napoletana maggiormente legata a quelle intuizioni, per come sono state filtrate da artisti come James Senese, Tullio de Piscopo, Franco del Prete. Il nuovo nome, annunciato con un post instagram, rafforza questa incursione nei suoni radicali delle proprie origini, con l’intenzione di trovare nel golfo di Napoli l’idea primigenia di mescolanza, transito, passaggio, contaminazione di generi.

Jazz, funk e fusion anche nel suono degli Studio Murena, secondo nome italiano della giornata. Un combo di sei ragazzi provenienti da Milano, e che agli elementi sonori citati fonde aspetti maggiormente legati all’elettronica e al rap. Dopo il primo album del 2021 per Costello’s Records, attesissimo il secondo lavoro realizzato con Virgin Music Italia e intitolato WadiruM. Uscirà il 12 maggio prossimo, quindi a poco più di un mese di distanza dall’esibizione a La Prima estate. Il disco è prodotto artisticamente da Tommaso Colliva. Ci aspettiamo quindi una setlist ricchissima e piena di novità per il sestetto. Tra i due brani che anticipano il full lenght, Marionette con la featuring di Danno dei Colle der Fomento.

Marionette, uno dei due nuovi singoli degli Studio Murena

Ultimo nome della giornata del 24, Bruno Belissimo. Produttore, DJ e polistrumentista è figlio di italiani emigrati in Canada. Ha passato l’infanzia a Toronto, respirando un clima tra grande creatività e piccola impresa, quella del padre proprietario di un videonoleggio e il caffè della Madre. Tornato in Italia, prima pubblica tre dischi con i Low Frequency Club e collabora con numerosi artisti, tra cui Colapesce. Attivo nella produzione di colonne sonore, il suo suono oscilla proprio tra quell’immaginario e l’italo disco, rileggendo le influenze dei settanta e degli ottanta in modo originale e vitale. Maison Belissimo, ultimo capitolo della sua avventura solista, è un disco funk, elettronico e coinvolgente adattissimo per chiudere una giornata all’insegna del groove più sfrenato.

La trap del 25 giugno a La Prima Estate 2023

Della giornata del 25 conosciamo al momento solo il nome dell’headliner: Metro Boomin, producer fondamentale della scena trap americana che già imposta il tema sonoro della giornata.

Heroes & Villains è il secondo album da studio pubblicato nel 2022, nuovo capitolo di una trilogia annunciata, narrato dal rapper ASAP Rocky e dall’attore Morgan Freeman. Lo storico produttore di Atlanta sceglie ancora un setting sonoro acido, distorto e dalle atmosfere urbane oscure. Numerosi gli ospiti del disco, tra cui Travis Scott, Future, Young Thug, Don Toliver, Gunna, The Weeknd.
Ad anticipare il disco, un video che sembra mutuato sugli EPK degli anni novanta, ma che è in realtà un cortometraggio di quasi sette minuti. Presentato da Freeman e Asap Rocky, è stato girato con un’imponente produzione che imita il lessico dei cinecomic e l’estetica neonoir.

Metro Boomin, il cortometraggio di presentazione di Heroes & Villains

I Biglietti, i pacchetti e le opportunità de La Prima Estate 2023

Posto il piedi è il biglietto base de La Prima Estate, consente di acceere a tutte le aree del festival inclusa quella food and beverage e quindi di partecipare a tutte le iniziative che si svolgeranno all’interno. Per chi invece vuole qualcosa in più, c’è il Settore Garden che consente ingresso anticipato e riservato, bar e servizi dedicati, vicinanza al palco, possibilità di assistere al concerto anche all’esterno del garden e di usufruire di tutti i servizi del Parco La BussolaDomani. Biglietti e abbonamenti si acquistano da questa pagina del sito ufficiale del festival, attraverso circuiti Ticketone e Dice.

Nello stesso sito, la sezione pacchetti, consente con formule day and night di combinare il prezzo del biglietto con l’opportunità di prenotare ombrelloni presso gli stabilimenti del Lido di Camaiore e camere d’albergo.

Presto saranno anche annunciate le esperienze, presso questa sezione del sito ufficiale, con una serie di attività collaterali legati alla cultura e al gusto del territorio.

Redazione IE
Redazione IE
Per contattare la redazione di Indie-eye scrivi a info@indie-eye.it || per l'invio di comunicati stampa devi scrivere a cs@indie-eye.it

ARTICOLI SIMILI

Voto

IN SINTESI

La Prima Estate giunge alla seconda edizione e lo fa con una formula unica che combina eventi di musica dal vivo con una vacanza marittima in piena regola e una serie di esperienze legate al territorio versiliese. La line-up dei due week-end di Giugno durante i quali si svolgerà il festival presso il Parco la BussolaDomani di Lido di Camaiore è quasi completa, ed è all'insegna dell'alternative rock, del pop-folk, del funk-groove più sfrenato, del rap e della trap, con headliner come Jamiroquai, Bicep, Alt-J, Nas, Bon Iver, Metro Boomin e con nomi come Just Mustard, Studio Murena, Guinevere. Nel nostro approfondimento sul festival ideato dalla D'Alessandro e Galli, vi parliamo dell'intero programma, artista dopo artista e vi consigliamo pacchetti e biglietti da acquistare

GLOAM SESSION

spot_img

CINEMA UCRAINO

spot_img

INDIE-EYE SHOWREEL

spot_img

i più visti

VIDEOCLIP

INDIE-EYE SU YOUTUBE

spot_img

TOP NEWS

ECONTENT AWARD 2015

spot_img
La Prima Estate giunge alla seconda edizione e lo fa con una formula unica che combina eventi di musica dal vivo con una vacanza marittima in piena regola e una serie di esperienze legate al territorio versiliese. La line-up dei due week-end di Giugno durante i quali si svolgerà il festival presso il Parco la BussolaDomani di Lido di Camaiore è quasi completa, ed è all'insegna dell'alternative rock, del pop-folk, del funk-groove più sfrenato, del rap e della trap, con headliner come Jamiroquai, Bicep, Alt-J, Nas, Bon Iver, Metro Boomin e con nomi come Just Mustard, Studio Murena, Guinevere. Nel nostro approfondimento sul festival ideato dalla D'Alessandro e Galli, vi parliamo dell'intero programma, artista dopo artista e vi consigliamo pacchetti e biglietti da acquistareLa prima estate, tra festival musicale e vacanza: tutto sull'edizione 2023