giovedì, Settembre 24, 2020

Mark Stewart – Exorcism of Envy

Anni di falò tristi, di dancehall sulla spiaggia, di version superflue e cannaroli presi bene per il riddim non sono riusciti ad indebolire la fascinazione che il dub esercita tutt’ora sul sottoscritto. Invero, se applicata con gusto, tale tecnica può portare a remix sorprendenti, che spesso e volentieri rivaleggiano con gli originali in termini di qualità. È opinione di chi scrive, tanto per rifarsi ad un esempio celebre, che il tocco di Mad Professor abbia reso No Protection un prodotto nettamente superiore all’album di cui costituisce la diretta filiazione, ovvero Protection dei bristoliani Massive Attack. A conferma di quanto dimostrava a suo tempo l’opera,  Mark Stewart sostiene che le potenzialità creative del dub possano estendersi all’infinito, una volta compreso che il suo terreno d’azione non è racchiuso dai confini Jamaicani. A seguito di un flirt di lunga data con le vibrazioni spettrali – passione che ha portato ad un sodalizio con il guru Adrian Sherwood protrattosi per tutti gli anni ’80 – ecco giungere il primo Mark Stewart (leggi l’intervista al “nostro” qui su indie-eye.it integralmente In Dub. A pochi mesi di distanza dall’acclamato Politics of Envy, Exorcism of Envy si pone come suo naturale completamento: uno spazio di sperimentazione in cui Stewart indossa le vesti di Padre Karras per costringere il demone sopito all’interno di ogni brano a manifestarsi con chiarezza. Sebbene non sia sbagliato affermare che le composizioni rispecchino il lato oscuro delle proprie omologhe su Politics…, sarebbe riduttivo considerare Exorcism… come un semplice album di remix. Mark smembra e ricompone ogni traccia con indole iconoclasta, dimostrando di non attribuire valenza sacrale nemmeno al materiale da lui stesso creato. In più di un’occasione gli ospiti che partecipavano a Politics… tornano a dare il proprio contributo, modificando radicalmente alcune parti vocali o strumentali, e stravolgendo del tutto gli intenti originari. Exorcism of Envy gode in sostanza di vita propria; possiede una natura autonoma e ribelle che si riflette non solo nella scelta di rinominare i singoli brani, ma anche in quella di alterare completamente la scaletta. Babycino (originariamente Baby Burgeois) e Sexorcist (Stereotype) – le tracce di Politics… in cui gli elementi pop e dance si presentavano in maniera più accentuata – abbandonano completamente i territori electroclash: la prima trasuda umori notturni, pompando i bassi oltre misura e scatenando l’effettistica; la seconda degenera in una mostruosa caricatura industriale. Risultati ancor più interessanti vengono raggiunti in Letter (Full of Tears); laddove la cover di Letter to Hermione si smarcava da Bowie secondo una prospettiva dark/ambient, la versione di Exorcism… si allontana a propria volta da quest’ultima, dando adito ad una serie di mutazioni caleidoscopiche potenzialmente infinita. L’ospite Keith Levene cede al divertissement dell’autocitazione, innestando il potente giro di basso di Swan Lake (da Second Edition dei PIL) sulla traccia vocale di Stewart, così da stravolgere nuovamente il risultato finale. Nemmeno Mark sembra esente da tentazioni narcisistiche, se è vero che il sample da Gymnopédie No.1 che si ascolta su Killswitch (Vanity Kills) fa il verso a quello utilizzato in Stranger than Love, dall’album Mark Stewart del 1987. Attack Dogs stempera l’aggressività funk rock di Autonomia barattandola – tramite un onnipresente suono di charleston, tastiere opprimenti ed effettistica à gò-gò – con un’intensità drammatica sconosciuta all’originale. Per un Dancefloor che più Haunted non si può.

Federico Fragasso
Federico Fragasso
Federico Fragasso è giornalista free-lance, non-musicista, ascoltatore, spettatore, stratega obliquo, esegeta del rumore bianco

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Picastro – State Man: il video di Aaron Mirkin in anteprima esclusiva su Indie-eye

"State man" è un brano tratto dall'ultimo album dei Picastro, "You". In anteprima lancio esclusiva, il videoclip diretto dal talentuoso AAron Mirkin; un esperimento tra video e pellicola 16mm dipinta a mano

The Lumineers: il video di Submarines è diretto da Nicholas Sutton Bell

La band di Denver nota come The Lumineers lancia il nuovo video per il nuovo singolo tratto dal loro superpremiato album di debutto; "Submarines" è diretto da Nicholas Sutton Bell

Cornershop – Supercomputed, il video di Justin Rhodes

Nuovo video dei Cornershop tratto dal full lenght Cornershop & The Double ‘o’ Groove

Devocka – Siamo già finiti, il videoclip diretto da Alberto Nemo

Il produttore Alberto Nemo dirige il videoclip di "Siamo già finiti" per i Devocka

Flat Bit – 2000 Mode: il video di I Red produzioni in esclusiva su Indie-eye

Il nuovo videoclip dei Flat Bit si intitola "2000 mode" e anticipa l'Ep "Imperfette condizioni" in uscita il 1 aprile. Indie-eye lo propone in esclusiva per l'Italia. È un formidabile mix tra motion graphics e Kinetic typography con uno stile che richiama la cutout animation. A realizzarlo il team della "I Red" produzioni, attivo dal 2013 ma con le idee già chiarissime. Ne abbiamo parlato con Antonio Gerardo Risi della "I Red"

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015