domenica, Marzo 7, 2021

Marvin – Barry

Ritornano freschi come mai i Marvin, una delle prime conoscenze della superba Africantape, etichetta francese per la quale pubblicano anche i nostrani Aucan e Io Monade Stanca. Del microcosmo che si è venuto a creare per vicinanza e assonanza dai compagni Electric Electric e Papier Tigre vi avevamo già parlato nelle rispettive recensioni, ma Barry suona, per gli orecchi più attenti, una manovra di depistaggio dalle loro stesse tracce. Siamo sempre nell’universo math rock, la formazione è ancora composta da un trio chitarra-tastiere-batteria, tutti e tre pestanti fino all’impossibile, dove i synth da modernariato accompagnano il cantato (quando c’è) distorto da vocoder da automa. L’immaginario dei tre francesi è ancora riempito da Space Invaders, Guerre Stellari, Star Trek, sigle di approfondimenti politici degli anni ’70: la titletrack Barry incorpora tutte queste sensazioni, risultando la traccia più legata al passato. Epica, da scontro frontale contro le forze del male venute dallo spazio. Ma almeno nella prima parte del disco il math rock si trasforma in pop, deliziando l’ascoltatore con cambi di tempo e frenesie continue che se fossero tradotte con lo stile del progressive anni ’70 demolirebbero la sanità mentale, mentre così suona veloce, immediato, fruibile. Nel caso di Un Chien d’Hiver si fluttua tramite crescendi a velocità da montagne russe senza freno, Giorgio Morricone (notare l’ironia nelle canzoni e nel titolo dell’album stesso) scopre ritmiche salsa, ovviamente rivedute e corrette prima che la guerra laser distrugga tutto. As Noisy as Possible potrebbe appartenere ai Nine Inch Nails, se solo volessero abbandonare il machismo, Jey Ferson abbaia come i Foo Fighters, prosegue come gli Yes e conclude con innumerevoli variazioni sul tema di un riff rock. Insomma, datemi un genere di riferimento e ripercorrerò il mondo musicale conosciuto. Non possiamo chiamarla “svolta pop”, perchè comunque l’ascoltatore deve avere confidenza con tutte le variazioni ritmiche qui inserite. Però l’apertura a diverse sensazioni, le più disparate, fa scendere dall’astronave i Marvin dopo 10 anni di carriera nello spazio siderale.

 

Elia Billero
Elia Billero vive vicino Pisa, è laureato in Scienze Politiche (indirizzo Comunicazione Media e Giornalismo), scrive di dischi e concerti per Indie-eye e gestisce altri siti.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Silverbird – Smile: il videoclip e l’arte disturbante di Pretty Puke

Pretty Puke, fotografo che da tempo documenta la nightlife losangelina senza filtri e compromessi, realizza questo splendido video per Silverbird, tra cuteness e disgusto

L’unica oltre l’amore. Valentina Galluccio per Giovanni Truppi: l’intervista

Valentina Galluccio, giovane illustratrice di talento, ha da poco realizzato il videoclip di "L'unica oltre l'amore" per Giovanni Truppi. L'abbiamo intervistata in esclusiva

Alessandra Celletti – Donkey Song, il video d’animazione di Paola Luciani: anteprima

Abbiamo visto in anteprima il video di Donkey Love, nuova produzione animata della talentuosa Paola Luciani per il progetto "Love Animals" della musicista Alessandra Celletti. Ve ne parliamo su indie-eye videoclip

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

ECONTENT AWARD 2015