martedì, Settembre 29, 2020

Femina Ridens – Femina Ridens

L’esordio solista dell’artista fiorentina Francesca Messina, già conosciuta, tra le altre cose, per l’esperienza passata nello showbiz musicale come Lady Violet e per la partecipazione alla Biennale di Venezia con la compagnia teatrale di Barbara Nativi, apre il mese di marzo con il primo album a nome Femina Ridens. Patrocinato dalla buona stella di a A Buzz Supreme, Femina Ridens si rivela un album tagliente, beffardo, in grado di deturpare ogni idea collegata alla parola romanticismo fino a ridurla a brandelli. In effetti, nelle otto canzoni che compongono il disco si innesca una battaglia dai toni acuti dove le parole di Francesca cadono come una ghigliottina a recidere quel sentimentalismo da quattro soldi, abusato e sterile. Al contrario, tutto quanto potrebbe rientrare sotto la generica categoria di amore, relazioni, rapporti, è filtrato da un generale senso di inquietudine e di ansia aggressiva.
Non stupisce quindi che il senhal scelto per offrire al pubblico tale progetto, conduca all’omonimo film di Piero Schivazappa del 1969, dove l’imperfezione amorosa sopra descritta, è esasperata nella storia sadica e malata del dottor Sayer, un uomo ricco quanto misogino e regista di elaborati incontri erotici dove le donne partecipano come attrici di giochi sadici e perversi. Come nella visione di Schivazappa, anche in Femina Ridens, l’album, la figura femminile si rivela una non-vittima, tutt’altro, dimostra la propria forza e la propria capacità di rovesciare la situazione di apparente sottomissione a suo vantaggio. E allora tutte le figure maschili – dove questo maschile non è necessariamente inteso in senso sessuale, ma è un generico altro o opposto – vanno incontro al disfacimento; succede a Barbablù, al finto umile di Appariscente o all’inetto di Ciò che non hai fatto. È una rabbia profonda, ragionata e non semplicemente istintiva a fare da fil rouge per tutto l’album; non c’è assoluzione nella parole di Francesca Messina che dimostra una lingua spietata nello spogliare le bugie dalle giustificazioni mettendo a nudo le situazioni per quello che sono: banali incontri del quotidiano che prendono mosse in quei “posti di merda da tempo conosciuti (Tutto il mio silenzio). Chi arrivato all’ascolto di Appariscente non si sentirà attratto dalla sua voce, misto fra Cristina Donà, Antonella Ruggiero e Petra Magoni, e ammaliato dai ritmi scarni e sensuali, non potrà apprezzare degnamente Femina Ridens. Non sono previste via di mezzo o atteggiamenti conciliati, e del resto non sarebbero in sintonia con il senso globale dell’album. A favore dell’antico manicheismo, l’alternativa all’amore è l’odio se non il disprezzo

Giulia Bertuzzi
Giulia Bertuzzi
Giulia vede la luce (al neon) tra le corsie dell'ospedale di Brescia. Studia in città nebbiose, cambia case, letti e comuni. Si laurea, diventa giornalista pubblicista. Da sempre macina chilometri per i concerti e guadagna spesso la prima fila.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Equateur – The Lava: il video di Kadavre Exquis

Nuovo video per l'animatore Kadavre Exquis: "The lava" per Equateur

Whispers under the moonlight: il video degli ALB è un virus interattivo, quello del tradimento

Il video degli ALB diretto da Casper Balslev è un'esperienza interattiva realmente immersiva; dallo schermo si trasferisce sul vostro desktop, infettando letteralmente le applicazioni connettive che ci troviamo ad utilizzare tutti i giorni

Pivi, premio italiano videoclip indipendenti, tutti i premi

I Vincitori del PIVI, il premio Italiano videoclip Indipendenti

Will Samson: Rusting Giants, il video in esclusiva per l’italia su indie-eye.it

Rusting Giants è il nuovo video di Will Samson diretto da Will Billany; ve lo proponiamo in esclusiva per l'italia qui su indie-eye

Kristin Hersh – Your Ghost: Il video di Katherine Dieckmann

"Your ghost" è uno dei brani più noti e più belli tratti dal debutto solista di Kristin Hersh, datato 1994. Vi raccontiamo la storia del brano e del bellissimo video diretto in quegli anni dalla regista americana Katherine Dieckmann

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015