venerdì, Novembre 27, 2020
Home Generi-ci avant-garde

avant-garde

Mark Stewart – Exorcism of Envy

Exorcism of Envy non è un semplice album di remix del recente Politics of Envy, ma un suo naturale completamente, per un Dancefloor che più Haunted non si può, la recensione di Federico Fragasso...

Colin Stetson – New History Warfare Vol. 3: To See More Light (Constellation – 2013):

Una guerra vera, una fisicità virulenta, quietata però dai canti della tradizione afroamericana; balsamo gospel da applicare alle ferite interiori degli odierni musicisti di avanguardia in qualche misura collocabili nel mare magnum del jazz. Tra tentazioni colte, improvvisazione, radici, derive grind; questo è il nuovo capitolo della New History Warfare di Colin Stetson

Micah Gaugh – The Blue Fairy Mermaid Princess (African Tape – 2013):

micahgaugh Sono molteplici e di alto livello le avventure musicali che hanno portato a The Blue Fairy Mermaid Princess, disco fradicio di avant-jazz fino alle ossa, ma nondimeno schietto e comunicativo, di una limpidezza a tratti disarmante. The Blue Fairy Mermaid Princess è un album e un live in trio assolutamente da non perdere, la recensione di Jacopo Golisano...

Suuns – Images du Futur (Secretly Canadian, 2013)

I canadesi Suuns stupiscono con 10 tracce semplici ma psicotiche, esemplificando come del post-rock e dell'alternative siano rimaste solo macerie. Images du Futur è un disco impressionante, poliedrico e innovativo. La recensione di Elia Billero...

English Version – Blue Willa – Blue Willa (Trovarobato, 2013)

Eclectic and metamorphic, the formerly-named Baby Blue has evolved into this new project, brought to a head with the release of the self-titled album, produced by Carla Bozulich...

Blue Willa: La disciplina dell’irrazionale

L’11 gennaio al Controsenso di Prato, Francesco D'Elia ha incontrato Mirko Maddaleno, Serena Altavilla, Lorenzo Maffucci, Graziano Ridolfo e ha confezionato per indie-eye la recensione del disco dei Blue Willa, quella del live e una foto intervista coadiuvata dalle foto di Bianca Greco...

Krzysztof Penderecki; l’incontro: La fantasia del rispetto delle regole

Il 26 e il 27 Novembre Krzysztof Penderecki era a Firenze per una due Giorni, non ce lo siamo lasciati sfuggire

Anthony Pateras – Collected Works 2002-2012 (Immediata, 2012)

Anthony Pateras tenta, al più invano, di mettere un po’ d’ordine alla sua sterminata produzione con questo box quintuplo riassuntivo, riunendo una serie di registrazioni che interessano questi suoi primi dieci anni di attività solista, una recensione di Alessio Bosco...

Alan Lomax – Whaur the Pig Gaed on the Spree (Drag City – 2012)

Nell’estate del 1951, il continuo peregrinare di Lomax come antropologo, lo fece approdare in Scozia. Impressionato dalla ricchezza della tradizione musicale locale, Lomax ne registrò varie testimonianze, Drag City commemora i sessantanni di queste preziose e seminali registrazioni, la recensione di Jacopo Golisano...

Mombu – Zombi (Subsound Records, 2012)

Gemello vinilico dell'eponimo esordio - con tanto di copertina cromaticamente complementare - Zombi centrifuga, remiscela e tira a lucido le intuizioni che già furono di Mombu, la recensione di Federico Fragasso...

Beak> – >> (Invada, 2012)

Il secondo lavoro dei Beak>, intitolato semplicemente ">>" si discosta dal precedente ">" per fascinosi suoni arabici e per il tributo alle eccellenze dell'elettronica d'avanguardia, Can e Tangerine Dream su tutti. La recensione di Elia Billero...

Daniele Faraotti Band – Canzoni in Salita – (Bombanella Records, 2012)

A quattro anni di distanza dal notevole Ciò che non sei più Daniele Faraotti torna con Canzoni in salita, una delle esperienze più ec-centriche e originali del panorama musicale Italiano, la recensione...

videoclip news

Becky Hill – Space: il video sull’isolamento diretto da Carly Cussen

Space, prima ancora di un'elegia visuale sul distanziamento sociale è anche una piccola metanarrazione sulle condizioni di un set, ridotto a scheletro vuoto, teatro sfondato senza più la capacità di riempire di senso corpi e spazio con la forza unificatrice del green screen. La distanza ci rende più "reali"?

Millie Turner – Eye Of The Storm: il videoclip di Hannah Berry George

Il corpo è un sensore ancora attivo nell'era della smaterializzazione. Anche se ricombinato in uno spazio digitale, non vuole morire. Il video di Hannah Berry George per Millie Turner: Eye Of The Storm

TV Priest – Decoration: il videoclip di Joe Wheatley

I TV Priest firmano con SUB POP e realizzano il secondo singolo dal loro imminente debutto, veicolandolo con un video diretto da Joe Wheatley

Kevin Godley – Expecting a Message: l’urlo, il corpo e il network

Kevin Godley torna con uno straordinario video che ancora una volta, come negli anni novanta, anticipa il nostro modo di vedere. Uno dei video più belli dell'anno