martedì, Aprile 16, 2024

Blur al Lucca Summer Festival: l’atteso concerto alle Mura Storiche

blur. L'atteso concerto al Lucca Summer Festival del prossimo 22 luglio presso le Mura Storiche della città, è stato anticipato dalla pubblicazione del primo video effettivo ed ufficiale tratto dal nuovo "The Ballad of Darren". Vi parliamo di quello, ma soprattutto della setlist che potrebbe aspettarci durante il concerto lucchese. Nell'articolo anche la versione live di Parklife eseguita insieme a Phil Daniels al BBC Radio Theatre di Londra, lo scorso 18 luglio. Biglietti ancora disponibili. Tutti i dettagli

Dal 22 novembre scorso, quando abbiamo parlato dell’unica data italiana dei blur a Lucca, prevista per Sabato 22 luglio nella grande location delle Mura Storiche, si sono aggiunti altri elementi.

Oltre ai progetti paralleli in corso, Gorillaz da una parte e The Waeve dall’altra, il nuovo album era ancora confinato nel regno delle supposizioni. The Ballad of Darren è adesso una certezza e uscirà il giorno dopo il concerto lucchese. Ad anticiparlo due singoli, The Narcissist e St. Charles Square, pubblicati rispettivamente due mesi e due settimane fa.

Nessun video ufficiale di rilievo per veicolarli, tranne un semplificatissimo visualizer per il primo e un video girato dal vivo per il secondo. La regia è di Toby L, professionista che aveva già lavorato con Damon Albarn per il video live di Polaris. La strategia visuale è quindi inevitabilmente orientata a promuovere il nuovo tour già in corso e ad utilizzare eventualmente questo per inserire a poco a poco uno showcase in fieri dell’album.

blur – St. Charles Square – il video ufficiale di Toby L.

Lo dimostra la setlist, che evita la scelta di brani mai ascoltati, tranne in alcuni casi specifici e si limita all’inclusione dei due nuovi singoli, generalmente in apertura e alla fine del set.

La selezione dedica ampio spazio agli album più importanti della band britannica, privilegiando l’impatto più elettrico, a cui si allineano i due brani e in particolare la bowiana St. Charles Square, con un Graham Coxon esuberante che recupera in qualche modo il sound più selvaggio del Robert Fripp di Scary Monsters.

I concerti più recenti e soprattutto quelli al Wembley Stadium dell’8 e 9 Luglio hanno registrato il tutto esaurito e assestato un modello del live che dovrebbe ripetere la stessa scansione anche per l’atteso appuntamento lucchese.

Le variabili ci sono, a partire dalla coinvolgente versione di Tender, una costante di tutti i live da due mesi a questa parte, che a Wembley si è trasformata in celebrazione laica, grazie al coinvolgimento del London Community Gospel Choir, che non può certo circolare ovunque in tour con la band.

Più facile forse portarsi appresso Phil Daniels, l’attore inglese che prestava già la sua voce nella versione da studio di Parklife e che per gli appuntamenti londinesi è improvvisamente comparso insieme alla band. A Wembley mentre usciva da una tenda per lavori stradali, al Radio Theatre della BBC, direttamente sul palco.

blur – Parklife live, nel concerto per la BBC del 18 luglio scorso al Radio Theatre (feat. Phil Daniels)

All’interno di uno scheletro più o meno simile si alternano alcune sorprese. Al Primavera Sound di Barcellona hanno per esempio inserito Luminous, B-side oscura del singolo Bang, tratto dal primo album della band.

A Dublino oltre a Russian Strings e Barbaric, due tracce dall’imminente album che hanno incluso anche nel concerto della BBC, più vicino ad uno showcase, è comparsa Colin Zeal da Modern Life is Rubbish. I concerti australiani e americani hanno invece privilegiato molte tracce da The Magic Whip, alcune delle quali completamente scomparse in tutti i successivi concerti europei.

Quello che sembra lo scheletro sicuro dei set allestiti a partire da luglio comprende: St. Charles Square quasi sempre in apertura, seguita da There’s No Other Way e la splendida Popscene. Ci sono anche Tracy Jacks e Beetlebum e poi Trimm Trabb, Villa Rosie, Coffee & TV, End of a Century, Country House, Parklife, To The End, Girls & Boys, Advert, Song 2, This is a Low e Universal.

E se i momenti più intensi dei concerti di Wembley sembrano stati quelli legati ad Under the Westway, con Albarn in lacrime alla fine del brano eseguito durante il secondo live londinese (fonte The Sun e YouTube) e una splendida versione di Stereotypes, perché non immaginarci che l’unica data italiana in una location così importante, non debba riservare altre sorprese?

I biglietti per il concerto dei blur al Lucca Summer Festival sono ancora disponibili attraverso il circuito Ticketone. Le tipologie ancora in vendita sono i Posti in piedi a 59,80 EURO e la LSF Experience, ovvero gli esclusivi Sky Box, a 350 Euro.

Redazione IE
Redazione IE
Per contattare la redazione di Indie-eye scrivi a info@indie-eye.it || per l'invio di comunicati stampa devi scrivere a cs@indie-eye.it

ARTICOLI SIMILI

GLOAM SESSION

spot_img

CINEMA UCRAINO

spot_img

INDIE-EYE SHOWREEL

spot_img

i più visti

VIDEOCLIP

INDIE-EYE SU YOUTUBE

spot_img

TOP NEWS

ECONTENT AWARD 2015

spot_img