giovedì, Febbraio 25, 2021

Indie

L’officina della camomilla – Senontipiacefalostesso Uno: la recensione

Un esordio degno di nota, l'ultimo baluardo indie in Italia, disdicevole più di Vasco Brondi, cinici quanto Lo Stato Sociale. L'officina della camomilla, con il loro primo disco Senontipiacefalostesso Uno

Suuns – Images du Futur (Secretly Canadian, 2013)

I canadesi Suuns stupiscono con 10 tracce semplici ma psicotiche, esemplificando come del post-rock e dell'alternative siano rimaste solo macerie. Images du Futur è un disco impressionante, poliedrico e innovativo. La recensione di Elia Billero...

Cut – Operation Manitoba (Gamma Pop – ristampa, 2013)

Operation Manitoba è il disco d'esordio del gruppo bolognese Cut, uscito nel Marzo del 1998 e ristampato oggi in occasione della rinascita dell'etichetta che lo lanciò, la storica Gamma Pop, la recensione di Denis Prinzio...

English Version: Kafka on the Shore – Beautiful but Empty (La Fabbrica, 2013)

A wicked singer (Elliot), an overly-disciplined pianist (Daniel) and a god-like guitarist (Fred); that's how Kafka on the Shore describe their components...

Tilly and the Wall – Heavy Mood (Team Love Records, 2013)

Il revival degli anni Novanta sta per avvenire, i Tilly and the Wall da Omaha potevano essere primi su tutti ed invece la cautela li ha spinti a azzardare poco, ritornando su passi indie e rock. La recensione di Heavy Mood a cura di Elia Billero.

Low, live @ Shambala, Milano, 25 febbraio 2013

I Low sono passati da Milano per uno showcase radiofonic; il live report

Steve Wynn, ogni sera suono quello che mi ispira

Steve Wynn con i Dream Syndicate è stato uno degli elementi cardine del rock alternativo anni '80 e ancora oggi porta avanti il suo discorso musicale con coerenza ed enorme classe, eccezionalmente lo abbiamo incontrato

Miniature – s/t (autoprodotto, 2012)

Le Miniature sono la versione italiana, malinconica e minimale dei fenomeni Youtube Pomplamoose. Ma dietro queste cover di grandi classici c'è più di una logica. La recensione dell'album di debutto a cura di Elia Billero...

I Low da The Great Destroyer a The Invisible Way: evoluzioni di una band

lowLa storia dei Low è la storia di una grande band, che dalla sua nascita ad oggi è stata capace di cambiare pelle, di evolversi, di tornare sui propri passi e di fare scarti a volte improvvisi a volte meno, senza mai rinunciare ad alcune caratteristiche fondanti, Il loro nuovo disco, The Invisible Way, uscirà a marzo e si propone come un’ulteriore svolta per Alan Sparhawk e Mimi Parker, un avvicinamento al folk figlio di ciò che è accaduto a partire da The Great Destroyer fino ad oggi, un ritorno ai silenzi delle origini (loro e dell’America tutta) a partire da suoni più pop ed elettronici, una decina d’anni di musica in continuo movimento. Lo speciale di Fabio Pozzi...

Sangue di Rapa – Sangue di Rapa (EL-SOP Recording, 2012)

Il debutto dei fiorentini Sangue di Rapa promette bene, vola su un rock pulito e coinvolgente senza tradire le aspettative indie e alternative. La recensione di Elia Billero

Sun Airway – Soft Fall (Dead Oceans, 2012)

I Sun Airway non sono gli emuli degli ultimi Animal Collective, ma non riescono a concretizzare una via d'uscita dal dream pop che sia originale e intelligente. Soft Fall, il loro secondo disco

Pissed Jeans – Honeys (Sub Pop, 2013)

In una scena alternativa che elegge a propri eroi improponibili pusillanimi i Pissed Jeans si ostinano da anni a proporre musica brutta, sporca, cattiva, demente e fuori moda; una recensione di Federico Fragasso...

videoclip news