giovedì, Febbraio 25, 2021
Home Generi-ci immaginary-strax

immaginary-strax

Giardini di Mirò – Good Luck (Santeria, 2012)

Good Luck è sempre esistito nelle intenzioni auree dei Giardini di Mirò, una creatura viva che si racconta facendo sentire la propria voce, la recensione di Giulia Bertuzzi...

Jowjo – Out of the window into the house (Riff, 2012)

Out of the window into the house è celebrazione di una tradizione moderna, di uno dei tanti possibili folk contemporanei, ed il suo autore, Sergio Carlini aka Jowjo, il depositario di un classicismo moderno; prodotto dal grande Bob Weston, la recensione di Alessio Bosco...

Gallara – Delirio in HI-FI (Autoprodotto, 2012)

Quinto album della band di Grosseto, Delirio in HI-FI suggella i dodici anni di attività che scortano i Gallara, la recensione di Giulia Bertuzzi...

Matthew Bourne – Montauk Variations: la recensione

La prima vera avventura solista di Matthew Bourne si intitola Mountak Variations ed è una raccolta di brani per solo piano e violoncello, la recensione di Michele Faggi...

Heroin In Tahiti – Death Surf (Boring Machines, 2011)

Vicini ad un'estetica che sa di Not Not Fun quanto di garage psicotico, l'labum degli Heroin in Tahiti è una botta ininterrotta di riff crampsiani devastati e devastanti, di loop tribali che strisciano sottopelle, di sirene drone che creano visioni e stati di trance; la recensione di Denis Prinzio...

Calibro 35 – live @ Flog – Firenze, 10/3/2012: la recensione del concerto

Ogni riferimento a persone esistenti o a fatti realmente accaduti è puramente casuale" è il nuovo album dei calibro 35, il modo migliore per parlarne è raccontare uno dei loro live; la recensione del Live alla Flog di Firenze dello scorso 10-3-2012 scritta da Francesco D'Elia...

Appaloosa – The Worst Of Saturday Night – Musica per energumeni del sabato sera (Black Candy Records, 2012)

Gli Appaloosa pubblicano per la Fiorentina Black Candy il loro nuovo The Worst of Saturday Night, Musica per energumeni del sabato sera, la recensione di Giulia Bertuzzi...

Demodé – Le Parole al Vento (Autoprodotto, 2011)

Buttare le parole al vento non è mai stato così gratificante: i Demodé, orchestra di sei elementi tra classica e avanguardia, debuttano con Le Parole al Vento. La recensione di Elia Billero.

Buenretiro – In penombra (DeAmbula Records, 2011)

Angoscia e ottimismo, disperazione e fiducia. Il passaggio attraverso le diversità dell'ultimo lavoro dei Buenretiro è la penombra, la recensione di Andrea Quadroni...

Giardini di Mirò, il nuovo album si intitola Good Luck

Esce il 23 marzo il nuovo album dei Giardini di Mirò intitolato Good Luck, tutte le informazioni e un video teaser...

Philippe Petit – Extraordinary Tales of A Lemon Girl – Trilogy – Chapter I: Oneiric Rings on Grey Velvet (Aagoo Records, 2012)

Philippe Petit torna ad esplorare il mondo delle colonne sonore e a farlo collidere con i detriti del '900, la recensione del primo capitolo di una nuova trilogia del malessere...

Paper Dollhouse – A box painted Black (Bird records, 2011)

Esce il 5 dicembre A Box Painted Black, il debutto full lenght di Astrud Steehouder ovvero Paper Dollhouse, la nostra recensione...

videoclip news