domenica, Marzo 7, 2021

Il video censurato che dissolve i ruoli di genere: In esclusiva, Coins degli Odd Beholder

Coins, il nuovo video degli svizzeri Odd Beholder è stato censurato da Youtube. I ruoli di generi vengono letteralmente dissolti. Coins “instaura e costruisce realtà economiche come un prodotto di quella contrattazione di cui facciamo tutti parte”

Avidità e vanità sono i fattori che ci rendono schiavi nel lavoro per l’industria. Questi fattori individuano come il desiderio sia un’idea prefabbricata a partire dalla nostra idea di “se” e di genere. Il nuovo singolo degli Odd Beholder intitolato Coins parla proprio di questo. Mentre di giorno, il protagonista, è un lavoratore indefesso, di notte si trasforma in una donna che si esibisce come spogliarellista. Allo stesso modo il suo superiore rinuncia all’atteggiamento coercitivo che esercita durante le ore di lavoro per diventare uno degli ospiti notturni a caccia di lussuria. Ritualmente i confini si dissolvono e il potere si rovescia.
Girato in una fabbrica e in un night club di Zurigo, il video è ispirato all’estetica dei porno anni 70 così come a certo cinema d’autore dei novanta. Diretto da Garrick J Lauterbach e girato dal direttore della fotografia Benjamin Dobó, il video vede gli stessi Odd Beholder nel ruolo di sceneggiatori, scouting locator, oltre che interpreti principali.

Ricorda che Indie-eye è la prima testata in Italia che si occupa quotidianamente di Video Musicali dalla parte di chi li realizza.

Odd Beholder – Coins (official video) from Sinnbus on Vimeo.

Redazione IE
Per contattare la redazione di Indie-eye scrivi a info@indie-eye.it || per l'invio di comunicati stampa devi scrivere a cs@indie-eye.it

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Scarlett Johansson e la collaborazione con David Bowie: Il video di Falling Down

Scarlett Johansson nel 2008 incise il suo primo album solista con una manciata di riscritture dal repertorio di Tom Waits. David Bowie prese parte alle registrazioni e Bennett Miller, regista di "Foxcatcher", girò il video musicale di "Falling Down" con un cameo di Salman Rushdie. Energie, anche transitorie, che consentirono a questi artisti di collaborare ad un lavoro che è ancora oggi una potentissima esplorazione dell'identità femminile, realizzata senza bisogno di un orpello visuale ingombrante e grazie al solo potere combinatorio della scrittura.

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

ECONTENT AWARD 2015